Bambini Nascosti

Porte Aperte lancia la campagna Bambini Nascosti, una campagna dedicata espressamente ai bambini della Chiesa perseguitata.
La nostra visione è che i bambini della Chiesa perseguitata siano in contatto, siano supportati in maniera tangibile e amati dalla famiglia cristiana di tutto il mondo, affinché vivano coraggiosamente la loro fede in Cristo.

Informazioni generali

Durante i nostri viaggi di ricerca è emerso, nel corso delle varie interviste, che i bambini della Chiesa perseguitata sperimentano la persecuzione in un modo unico e spesso ignorato. L'istituzione di questa campagna rappresenta l'avvio di un processo che vuole evidenziare i bisogni dei bambini della Chiesa perseguitata.

Concentreremo la Campagna Bambini Nascosti 2011 sulla fascia d'età al di sotto dei 13 anni, che costituisce il 30-40% della popolazione complessiva di molti paesi.

I bambini figli di cristiani affrontano delle sfide uniche nel loro genere, a causa della fede dei loro genitori. Qualcuno di loro è vittima indiretta della violenza che coinvolge la comunità cristiana o viene individualmente discriminato per quanto concerne l'istruzione (per esempio per i figli che hanno una doppia identità: cristiani a casa, ma musulmani o indù o altro nella loro società); altri ne sono affetti direttamente per la perdita di un genitore a causa di morte o detenzione.

Nessun genitore sceglierebbe di crescere i propri figli in un paese colpito da carestia e pochissimi sceglierebbero di continuare a vivere in zone di guerra se si presentasse una valida alternativa. Tuttavia ogni giorno madri e padri cristiani sono costretti a scegliere tra la fedeltù a Gesù o la sicurezza della loro famiglia, tra allevare i propri figli nella fede cristiana o custodirli fisicamente in luoghi sicuri.

Di conseguenza molti bambini stanno crescendo con la consapevolezza di trovarsi in situazioni molto pericolose a causa della scelta dei genitori di seguire Cristo e, naturalmente, quei genitori desiderano che anche i loro figli seguano Cristo. Il coraggio e la determinazione di molti genitori nella Chiesa perseguitata è stimolante e di grande esempio, ma spesso costa molto caro e il prezzo viene pagato sia dai genitori che dai loro figli.

Dobbiamo fare tutto quello che possiamo per incoraggiare e sostenere con le nostre risorse questi bambini, preziosi membri della famiglia di Cristo.


Obiettivi principali:

1. Aumentare significativamente la consapevolezza, il sostegno e la preghiera per i bambini della Chiesa perseguitata, ricordandoci che anche i bambini sono perseguitati e hanno bisogno di sostegno.
 
2. Portare avanti campagne pubbliche e patrocinio privato per promuovere un cambiamento nella sfera legale che riguardi i bambini della Chiesa perseguitata nel Medio Oriente. L'aspetto del patrocinio è una conseguenza naturale della nostra campagna del 2010 intitolata Liberi di Credere.

3. Portare un rilevante cambiamento nelle vite di 10.000 bambini che soffrono la persecuzione puntando ad aiuti finanziari regolari per andare incontro alle loro esigenze pratiche, materiali ed emotive e dove possibile far loro sapere che la famiglia cristiana internazionale li ama e prega per loro.


Messaggi chiave:

  • I bambini spesso pagano un prezzo elevato per la scelta loro e dei loro genitori di essere fedeli a Cristo - quanti abbracceranno la fede dei genitori potrebbero essere i futuri leader della Chiesa perseguitata. Dobbiamo fare quanto in nostro potere per servirli con la preghiera e l'azione.
  • Molti bambini hanno bisogni evidenti e pratici che sono una conseguenza diretta della persecuzione. Dobbiamo offrire loro un aiuto tangibile e una speranza per il futuro. 
  • I bambini perseguitati hanno bisogno che noi usiamo la nostra libertà in loro favore. Portare avanti una campagna per la libertà religiosa dei bambini è un metodo importante, di grande impatto sulle prospettive di crescita dei medesimi nelle comunità del Medio Oriente. 

Dunque Porte Aperte quest'anno si impegnerà in modo particolare a favore dei bambini della Chiesa perseguitata. E' chiaro che tutti gli altri nostri obiettivi e progetti rimangano, ma vorremmo davvero riuscire a cambiare significativamente la vita di almeno 10.000 bambini della Chiesa perseguitata.