Periodo preso in esame:

1 novembre 2016
31 ottobre 2017

Posizione nella WWL:

WWL 2018
Punti: 65 / Posizioni: 24
WWL 2017
Punti: 62 / Posizioni: 28
WWL 2016
Punti: 62 / Posizioni: 23

Dati Generali

Leader: Htin Kyaw
Popolazione: 54.836.000
Cristiani: 4.369.000
Religione Principle: Buddismo
Governo: Repubblica

Da dove viene la persecuzione

Nelle comunità prevalentemente buddiste, i leader buddisti (monaci) inducono le comunità a perseguitare i cristiani.

I movimenti buddisti radicali Ma Ba Tha e 969 continuano a “proteggere” il buddismo come religione nazionale del paese. La recente messa al bando di questi movimenti radicali non ha cambiato la situazione, in quanto hanno trovato altri modi per proseguire la loro opera.
Le famiglie tribali buddiste e musulmane perseguitano i membri che si convertono al cristianesimo, poiché la conversione è vista come un tradimento dell’istituzione famigliare e della comunità. I funzionari del governo locale, specialmente delle zone rurali, spesso prendono le parti dei leader buddisti.
Questo significa che realtà come quella cristiana, che nella maggior parte dei casi sono una minoranza religiosa e anche etnica, sono svantaggiate e non riescono in nessun modo a ottenere giustizia. Questi cristiani inoltre risentono della lunga e brutale guerra quasi dimenticata che l’esercito birmano sta combattendo contro i gruppi rivoltosi.

Qual è l’impatto sui cristiani?

In stati prevalentemente cristiani come Kachin, Karen o Shan nel nord, anche le chiese storiche più consolidate subiscono degli attacchi.
Oltre 100.000 cristiani vivono in campi profughi e non dispongono di cibo a sufficienza e di cure mediche adeguate. In alcuni casi i monaci buddisti invadono le proprietà delle chiese e vi costruiscono dei templi buddisti.I convertiti vengono perseguitati dalle famiglie e comunità buddiste, musulmane o tribali poiché hanno abbandonato il loro credo e si sono perciò allontanati dalle consuetudini più radicate.
Le comunità che vogliono mantenere una sorta di integrità buddista, rendono impossibile la vita alle famiglie cristiane poiché, impediscono loro di utilizzare le risorse idriche che dovrebbero essere a disposizione della collettività. Anche i gruppi non tradizionali sperimentano delle opposizioni, specialmente qualora si trovino nelle aree rurali del Myanmar e/o siano attivi nel fare proselitismo.

Esempi

  • Nella maggior parte delle scuole, prima dell’inizio delle lezioni, tutti gli studenti, compresi i non buddisti, devono recitare un insegnamento o una preghiera buddista.
  • I convertiti sono discriminati in diversi modi. È stato riportato il caso di un insegnante che si è rifiutato di fornire a uno studente cristiano un elenco di domande messo a disposizione degli altri in preparazione degli esami. In un altro caso quando una famiglia ha venduto un appezzamento di terreno, i ricavi sono stati distribuiti a tutti i fratelli della famiglia, mentre il familiare convertito è rimasto escluso.
  • Il 25 maggio 2017 tre cristiani che raccoglievano legna nello stato Kachin sono stati fermati dall’esercito e arrestati. I loro corpi sono stati ritrovati il 28 maggio e si può presumere che siano stati torturati e uccisi dall’esercito.
  • Il 3 dicembre 2016 l’esercito birmano ha distrutto una chiesa cattolica a Mung Koe durante un bombardamento contro le milizie ribelli etniche nello stato Shan.
  • A gennaio 2017 due battisti Langjaw Gam Seng e Dumdaw Nawng Lat sono stati arrestati dall’esercito quando hanno mostrato a un giornalista una chiesa cattolica che era stata bombardata. Sono stati condannati rispettivamente a oltre quattro e due anni di prigione il 29 ottobre 2017.

Come Porte Aperte aiuta la Chiesa in Myanmar

Porte Aperte/Open Doors incoraggia i cristiani perseguitati in Myanmar in collaborazione con vari ministeri e chiese locali tramite:

  • Distribuzione di libri cristiani
  • Programmi di discepolato
  • Formazione per la leadership della Chiesa
  • Mezzi di sostentamento

Come il corpo di Cristo può pregare per il Myanmar

  • Pregate per le minoranze cristiane perseguitate, affinché per mezzo dell’amore di Cristo possano raggiungere I musulmani Rohingya, perseguitati. Pregate affinché molti cuori si aprano a Cristo, giungendo alla verità.
  • I cristiani ex-musulmani o ex-buddisti affrontano forti pressioni da parte delle loro famiglie, degli amici e dei vicini, nel tentativo di indurli a rinnegare la fede. Con le leggi recentemente entrate in vigore, la conversione è più che mai un processo molto complicato, sebbene non sia del tutto proibito. Pregate affinché abbiano il coraggio e la forza per affrontare la persecuzione. Pregate affinché la libertà di esprimere la propria fede in Cristo sia maggiormente garantita.