Periodo preso in esame:

1 novembre 2018
31 ottobre 2019

Posizione nella WWL:

WWL 2020
Punti: 64 / Posizione: 35
WWL 2019
Punti: 63 / Posizione: 34
WWL 2018
Punti: 63 / Posizione: 28

Dati Generali

Leader: Presidente Kassym-Jomart Tokayev
Popolazione: 18.593.000
Cristiani: 4.836.000
Religione Principale: Islam
Governo: Repubblica presidenziale

Fonti di persecuzione (elencate in ordine di intensità):

  • Paranoia dittatoriale.
  • Oppressione islamica.

Perché i cristiani sono perseguitati in Kazakistan?

La libertà religiosa è limitata dalla legge risalente al settembre 2011 e il governo kazako è costantemente al lavoro per incrementare il suo controllo sull’intera società, il che significa incrementare la sorveglianza, le retate durante gli incontri e gli arresti. La minaccia della militanza islamica è divenuta un pretesto per limitare molte più aree di libertà.

Le chiese non registrate sono illegali. Vengono spesso perquisite e sanzionate. C’è bisogno delle firme di 50 cittadini per registrare una chiesa.

Le chiese ortodosse russe affrontano in minima parte i problemi del governo perché di solito non cercano di avere contatti con la popolazione kazaka. Sono gli indigeni convertiti al cristianesimo di origine musulmana che sostengono il peso maggiore della persecuzione sia da parte dello Stato che della famiglia, dagli amici e dalla comunità.

Per quale motivo il Kazakistan ha cambiato posizione, all’interno della WWL?

Il punteggio del Kazakistan è salito di 1 punto, indicando un leggero peggioramento nella situazione per i cristiani, anche se il punteggio relativo alla violenza è diminuito. Tuttavia, il paese è sceso di un posto nella lista, perché diverse altre nazioni hanno avuto un incremento di punteggio maggiore.

Com’è la vita per i cristiani in Kazakistan?

I cristiani di origine musulmana spesso mantengono segreta la propria fede. Alcuni convertiti vengono tenuti sotto chiave dai loro familiari per lunghi periodi, vengono picchiati e possono essere espulsi dalle loro comunità. Anche i mulla locali predicano contro di loro.

Citazioni

Il nome è uno pseudonimo

Bahtor:
“Sono stato seriamente perseguitato quando sono passato dall’essere un musulmano all’essere un cristiano. Poiché viviamo in piccole comunità ogni persona è sotto controllo. Se qualcuno cambia la sua fede tradisce la propria comunità. Loro dicono: ‘Tu comincia a credere nel Dio dei russi e molti problemi arriveranno’. Questo è il motivo per cui mi hanno cacciato dalla comunità.”

Porte Aperte, come aiuta i cristiani in Kazakistan?

Porte Aperte provvede aiuto immediato ai credenti dell’Asia Centrale quando sono imprigionati, esclusi dalle famiglie e dalle comunità, privati di mezzi di sostentamento e di lavoro a causa della loro fede in Cristo. Porte Aperte inoltre rafforza la chiesa perseguitata nell’Asia Centrale principalmente attraverso:

  • distribuzione di letteratura.
  • supporto in preghiera.
  • corsi di formazione biblica.
  • corsi di formazione per bambini e giovani.
  • ministero femminile.
  • corsi di sostegno e sensibilizzazione (SSTS).
  • ministero di presenza.
  • formazione professionale.
  • progetti di sviluppo socio-economico.

Come pregare per la nazione

Pregate per i credenti kazaki e per i leader di chiesa, specialmente per quei pastori che curano comunità segrete e credenti che si sono convertiti dall’islam. Pregate per la loro sicurezza tra il controllo del governo e le crescenti restrizioni. Pregate per la saggezza dei pastori e dei leader che organizzano eventi.

Pregate per coloro che sono percossi e imprigionati perché hanno abbandonato l’islam e si sono rivolti a Cristo.

Pregate per le autorità governative che cercano di sopprimere ed sradicare la cristianità.