Periodo preso in esame:

1 novembre 2016 – 31 ottobre 2017

Posizione nella WWL:

WWL 2018 Punti: 63 / Posizione: 28
WWL 2017 Punti: 56 / Posizione: 43
WWL 2016 Punti: 55 / Posizione: 42

Dati Generali

Leader: Nursultan Nazarbayev
Popolazione: 18.064.000
Cristiani: 4.627.000
Religione Principale: Islam
Governo: Repubblica

Da dove viene la persecuzione

In Kazakistan esistono due principali fonti di persecuzione, lo stato e l’ambiente musulmano. La persecuzione statale viene attuata tramite la polizia, i servizi segreti e le autorità locali che monitorano le attività religiose e spesso presenziano alle funzioni religiose. Le chiese non registrate sono regolarmente sottoposte a controlli. La cultura islamica del paese rende particolarmente difficoltosa la vita per coloro che si convertono al cristianesimo.

Qual è l’impatto sui cristiani?

Tutte le comunità cristiane stanno sperimentando qualche forma di persecuzione. Le chiese Russe Ortodosse generalmente non hanno problemi con il governo perché non sono solite avere rapporti con la popolazione kazaka. Pertanto il peso maggiore della persecuzione lo sopportano i convertiti al cristianesimo di origine musulmana, che subiscono la persecuzione sia dal governo sia dalle famiglie, dagli amici e dalle comunità.

La libertà religiosa è stata limitata tramite apposite leggi (da settembre 2011) e il governo kazako lavora costantemente al fine di incrementare il proprio controllo sull’intera società; questo si traduce in maggiore sorveglianza, intrusioni nei raduni e l’arresto dei credenti. Per restringere maggiormente le libertà della popolazione, le autorità usano la minaccia dell’islamismo militante. Tutto questo concorre al peggioramento della situazione per la minoranza cristiana e rende la loro prospettiva futura incerta. È improbabile che le pressioni provenienti dall’ambiente sociale (soprattutto per i cristiani ex-musulmani) cambino sostanzialmente.

Esempi

  • Il 13 settembre 2016, due cristiani battisti di Taldykorgan, Mikhaul Lozov e Nadezhda Pikalina, sono stati multati per aver distribuito letteratura religiosa che non era stata sottoposta a censura, durante una loro visita in un villaggio della regione orientale del Kazakistan, nel giugno 2016. Il loro ricorso in appello contro le sanzioni è stato respinto in ottobre e novembre 2016.
  • La polizia, durante un’irruzione a un culto domenicale di una comunità battista, il 28 maggio 2017, nella città di Taraz, ha portato in caserma 20 uomini ed una donna. Hanno preso le loro generalità, le loro impronte digitali, li hanno fotografati e registrato i loro indirizzi di residenza. Le autorità di polizia hanno comminato delle sanzioni pecuniarie a carico di otto persone tra i presenti.
  • Un cristiano della comunità avventista, Yklas Kabduakasov, è rimasto (durante il periodo preso in esame dalla WWList 2018) in un campo di lavoro dopo essere stato condannato a due anni di lavori forzati nel dicembre 2015. Era stato arrestato per aver parlato della sua fede con alcuni studenti al soldo dalla polizia segreta.

Come Porte Aperte aiuta la Chiesa in Asia Centrale

Porte Aperte/Open Doors fornisce soccorso immediato ai cristiani in Asia Centrale quando si trovano in prigione, allontanati dalle famiglie, privati di mezzi di sussistenza e del lavoro a causa della loro fede in Cristo. Fortifichiamo la chiesa perseguitata in Asia Centrale anche per mezzo di:

  • Distribuzione di Bibbie e libri cristiani
  • Sostegno in preghiera
  • Formazione biblica
  • Formazione per giovani e bambini
  • Ministero per donne
  • Formazione di preparazione alla persecuzione (Resistere nella tempesta/SSTS)
  • Ministero di presenza
  • Progetti per produrre un reddito
  • Ministero di soccorso
  • Formazione professionale

Come il corpo di Cristo può pregare per il Kazakhstan

  • Pregate per coloro che vengono picchiati e detenuti per avere scelto Cristo e voltato le spalle all’islam.
  • Pregate per le autorità che intendono sradicare e sopprimere il cristianesimo.
  • Pregate per i responsabili di Chiesa che sono sorvegliati regolarmente affinché sperimentino costantemente la pace di Gesù.
Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA