Periodo preso in esame:

1 novembre 2016 – 31 ottobre 2017

Posizione nella WWL:

WWL 2018 Punti: 77 / Posizione: 14
WWL 2017 Punti: 78 / Posizione: 12
WWL 2016 Punti: 78 / Posizione: 12

Dati Generali

Leader: Muhammadu Buhari
Popolazione: 191.836.000
Cristiani: 88.906.000
Religione Principle: Cristianesimo/Islam
Governo: Repubblica Federale

Da dove viene la persecuzione

L’ostilità verso i cristiani si diffonde per mezzo delle pratiche e dell’insegnamento radicale islamico. La contrapposizione è rafforzata dal fatto che l’islam è la religione dominante nella parte settentrionale del paese mentre il cristianesimo è maggioritario nel sud. La rivalità tra i gruppi etnici nel sud e il nord del paese ha delle altre ripercussioni sulla persecuzione dei cristiani. I gruppi radicali armati come Boko Haram e gli allevatori musulmani Fulani sono stati particolarmente attivi nella persecuzione dei cristiani nella parte settentrionale della Nigeria e nella zona della Middle Belt (la parte centrale del paese). La violenza nell’area della Middle Belt indica che la cruenta persecuzione dei cristiani si sta spostando verso il sud della nazione. Inoltre, nell’amministrazione statale si registra una forte corruzione pressoché a ogni livello, e i gruppi criminali (spesso organizzati per gruppi etnici) sono coinvolti in traffici di stupefacenti e di esseri umani. Occasionalmente, questi due fenomeni incrementano la persecuzione nei confronti dei cristiani.

Qual è l’impatto sui cristiani?

Molti cristiani che risiedono nel sud del paese vivono in un ambiente che rispetta la libertà religiosa. Quelli che vivono nel nord e nella Middle Belt soffrono le violenze perpetuate da gruppi militanti islamici. Questa violenza si traduce in agguati e ferimenti, perdita di vite umane e sottrazioni di proprietà. I cristiani vengono espropriati delle loro terre e dei propri mezzi di sussistenza. I cristiani nella Nigeria del nord, soprattutto negli stati in cui vige la sharia, affrontano discriminazioni ed esclusioni dovute al fatto di essere considerati cittadini di seconda classe. I cristiani ex-musulmani devono fare i conti anche con il rigetto da parte dei loro parenti, subendo forti pressioni al fine di abbandonare la propria fede.

La corruzione ha indebolito lo Stato e i mezzi a difesa dei cristiani vittime dalla violenza perpetuata da gruppi come Boko Haram, sono assai scarsi. Alle volte le chiese sono utilizzate per il riciclaggio del denaro; pertanto le chiese percepite come associate a tale attività criminale (ad esempio per avere accettato donazioni da benefattori criminali) spesso finiscono per essere bersaglio di violenze collegate alla criminalità.

Esempi

  • Il 13 novembre 2016 alcune aggressioni, condotte probabilmente da allevatori musulmani Fulani, contro cinque villaggi abitati prevalentemente da cristiani, a sud dello stato di Kaduna (Middle Belt), hanno provocato la morte di 45 persone. Inoltre gli aggressori hanno dato alle fiamme circa un centinaio di abitazioni, compresi otto locali che venivano adoperati come luoghi di culto.
  • Il 7 settembre 2016, 20 cristiani nigeriani sono stati uccisi nel villaggio di Anche Bassa, nello stato di Plateau. Anche in questo caso si ritiene che gli assalitori fossero allevatori Fulani.
  • Il 20 luglio 2017, una chiesa nella città di Onitsha, nella parte meridionale della Nigeria, è stata attaccata da uomini armati. Il bilancio dell’aggressione è stato di 12 morti e 18 feriti. Si pensa che l’attacco sia connesso a una guerra tra bande rivali che hanno coinvolto un ricco benefattore della comunità.

Come Porte Aperte aiuta la Chiesa in Nigeria

Porte Aperte/Open Doors coopera con le chiese locali al fine di rafforzare, supportare, equipaggiare e assistere i perseguitati nella Nigeria del nord. Questa collaborazione attiene alle seguenti attività:

  • Preparazione alla persecuzione
  • Istruzione cristiana
  • Missione olistica di sviluppo della comunità
  • Discepolato e cura del neo credente
  • Sviluppo della Leadership al servizio degli altri
  • Assistenza legale
  • Consulenza dei traumi
  • Emergenze

Come il corpo di Cristo può pregare per la Nigeria

  • Pregate per la protezione dei cristiani nigeriani, in particolare per le donne che sono rapite e costrette a spostare uomini musulmani.
  • Pregate che i cuori di migliaia di sfollati possano trovare pace e consolazione. Pregate che Porte Aperte e i suoi collaboratori possano ricevere saggezza al fine di operare al meglio.
  • Nelle regioni settentrionali della Nigeria a maggioranza musulmana, le comunità cristiane sono emarginate e lasciate prive di acqua potabile, ambulatori e strade. Pregate che il Signore provveda a queste necessità.
Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA