Periodo preso in esame:

1 novembre 2017
31 ottobre 2018

Posizione nella WWL:

WWL 2019
Punti: 80 / Posizione: 12
WWL 2018
Punti: 77 / Posizione: 14
WWL 2017
Punti: 78 / Posizione: 12

Dati Generali

Leader: Muhammadu Buhari
Popolazione: 195.900.000
Cristiani: 91.100.000
Religione Principale: Cristianesimo/Islam
Governo: Repubblica Federale

Quali sono le cause di persecuzione prevalenti? 

  • Oppressione islamica: nonostante la persecuzione dei cristiani nel Nord della Nigeria venga spesso associata con il gruppo militante di matrice islamica Boko Haram, i metodi a cui essa ricorre non si limitano alla semplice uccisione dei cristiani da parte dei militanti integralisti islamici. Questo avviene soprattutto nei 12 Stati del Nord (in cui vige la Sharia), dove il governo locale e le diverse comunità concedono ai cristiani una ristretta libertà religiosa. Anche i pastori Fulani esercitano forme di violenza nella regione del Middle Belt, prendendo d’assalto le abitazioni dei cristiani. Tutti i cristiani sono travolti dall’impeto di questa persecuzione, ma i principali bersagli rimangono gli ex musulmani convertiti al cristianesimo. Può essere molto rischioso per i cristiani vivere nel Nord del paese. La Sharia è legge di Stato in 12 paesi a maggioranza islamica; qui la conversione dall’islam a qualsiasi altra religione viene considerata illegale e spesso i cristiani vivono in una condizione di emarginazione forzata. 
  • Corruzione e crimine organizzato: la Nigeria è uno degli Stati più corrotti del mondo. Occupa il 148° posto nella classifica dell’Indice di Percezione della Corruzione (CPI) stilata da Transparency International. Numerosi funzionari di governo e gruppi di interesse privato sono coinvolti in azioni corruttive e attività illecite. Le organizzazioni criminali compiono estorsioni e rapimenti; la corruzione dei funzionari costituisce un’aggravante all’inefficacia mostrata dalle forze dell’ordine nigeriane nel difendere i cristiani dagli attacchi dei gruppi islamici. L’influenza che le organizzazioni criminali esercitano sullo Stato oltrepassa i confini nazionali, arrivando ad avere ripercussioni anche a livello internazionale. 

Chi provoca la persecuzione? 

Il sentimento di ostilità verso i cristiani viene spesso incoraggiato dagli insegnamenti e dalla pratica dell’integralismo islamico. A ciò si deve aggiungere che l’islam è la religione dominante nella parte settentrionale della Nigeria, mentre il cristianesimo prevale in quella meridionale. La rivalità tra gruppi etnici (nella parte a Sud e in quella a Nord) si ripercuote spesso in maniera consistente sulla persecuzione dei cristiani. I gruppi militanti di matrice islamica come Boko Haram e i pastori Fulani rappresentano i principali responsabili della persecuzione dei cristiani nel Nord della Nigeria e nella regione del Middle Belt. La violenza perpetrata nella regione del Middle Belt indica che la persecuzione dei cristiani si sta espandendo nel Sud del paese. Per di più, la corruzione permea l’intera classe politica e le organizzazioni criminali (strutturate su base etnica) sono implicate nel traffico di droga e persino di esseri umani. Queste due attività illecite possono talvolta sfociare in atti di persecuzione contro i cristiani. A complicare ulteriormente la situazione alcuni politici ritengono che la persecuzione nella regione del Middle Belt sia legata a un semplice conflitto economico, del tutto privo di implicazioni religiose. 

Quali conseguenze produce? 

La maggior parte dei cristiani che vivono nel Sud sono liberi di professare la loro religione. Quelli che, invece, occupano il Nord e la regione del Middle Belt sono vittime della violenza perpetrata dai gruppi militanti di matrice islamica. Tali atti di violenza sfociano spesso in uccisioni, lesioni fisiche o anche perdita dei propri beni. Altre due possibili conseguenze sono l’espropriazione delle terre o la privazione dei mezzi di sostentamento. I cristiani del Nord della Nigeria, soprattutto quelli che vivono negli Stati in cui vige la Sharia, sono soggetti a discriminazione ed emarginazione a causa del loro status di cittadini di serie B. Gli ex musulmani convertiti al cristianesimo vengono ripudiati dalle loro stesse famiglie e sono forzati ad abiurare la religione cristiana.  

La corruzione ha indebolito lo Stato, privandolo dei mezzi necessari a tutelare i cristiani dai violenti attacchi dei gruppi islamici. Talvolta le chiese vengono sfruttate per il riciclaggio di denaro sporco; quelle che vengono ritenute responsabili di questa attività illecita (per es. tramite l’accettazione di donazioni da parte di criminali), possono diventare bersaglio di violenti atti criminosi.

Come Porte Aperte aiuta la Chiesa in Nigeria?

Porte Aperte/Open Doors coopera con le chiese locali al fine di rafforzare, supportare, equipaggiare e assistere i perseguitati nella Nigeria del nord. Questa collaborazione attiene alle seguenti attività:

  • Preparazione alla persecuzione
  • Istruzione cristiana
  • Missione olistica di sviluppo della comunità
  • Discepolato e cura del neo credente
  • Sviluppo della Leadership al servizio degli altri
  • Assistenza legale
  • Consulenza dei traumi
  • Emergenze

Come il corpo di Cristo può pregare per la Nigeria?

  • Pregate per la protezione dei cristiani nigeriani, in particolare per le donne che sono rapite e costrette a sposare uomini musulmani.
  • Pregate che i cuori di migliaia di sfollati possano trovare pace e consolazione. Pregate che Porte Aperte e i suoi collaboratori possano ricevere saggezza al fine di operare al meglio.
  • Nelle regioni settentrionali della Nigeria a maggioranza musulmana, le comunità cristiane sono emarginate e lasciate prive di acqua potabile, ambulatori e strade. Pregate che il Signore provveda a queste necessità.