Dona 
 
 

Arabia Saudita

Periodo preso in esame:

1 novembre 2015 - 31 ottobre 2016

 

Posizione nella WWL:

WWL 2017: Punti: 76 / Posizione: 14

WWL 2016: Punti: 76 / Posizione: 14

 

Fonti di persecuzione:

Le fonti di persecuzione riguardanti i cristiani in Arabia Saudita sono l'oppressione islamica (principale) e, in misura minore, l'antagonismo etnico (mescolato all'oppressione islamica).

 

Contesto:

Il divario tra la popolazione, in gran parte giovane, del Paese e i sovrani anziani è crescente. La cultura dei giovani sta cambiando sotto l'influsso della televisione satellitare, di Internet e dei social media. Inoltre, la percentuale di disoccupazione giovanile è significativa. La rivoluzione digitale ha raggiunto anche i responsabili islamici e numerosi imam hanno aperto account Twitter con molti follower. Il numero dei convertiti cristiani dall'Islam e da altre religioni è in aumento, così come il loro coraggio nel condividere la nuova fede. L'Arabia Saudita è il solo Paese al mondo senza edifici di culto cristiani.

 

Tipi di cristianesimo colpiti:

In Arabia Saudita esistono solo due categorie di cristianesimo: 

  • Comunità di cristiani stranieri o emigranti: tra i cristiani stranieri, sono trattati peggio, a causa della propria etnia e della condizione inferiore, i cristiani emigranti da Paesi poveri. 
  • Comunità di convertiti al cristianesimo di origine musulmana (MBB). Gli MBB sauditi e di altre nazionalità rischiano una feroce persecuzione da parte della famiglia, della società e del governo. Essi devono vivere la nuova fede nella più profonda segretezza.

 

Sfere di vita e violenza:

  • In generale, la pressione sui cristiani rimane a un livello estremo, in leggerissimo aumento rispetto al livello rilevato nella WWL 2016. Questo aumento è dovuto principalmente alla regolazione in base alla disponibilità di ulteriori informazioni. In realtà, la pressione sui cristiani non cambia molto rispetto al WWL 2016.
  • I punteggi relativi alla pressione in tutte le sfere della vita sono a livelli estremi, eccetto il punteggio della sfera familiare, che si attesta comunque a un livello molto alto. La pressione più estrema è esercitata nelle sfere della vita ecclesiastica e nazionale, come è tipico in una situazione in cui l'oppressione islamica è la principale fonte di persecuzione. 
  • La pressione derivante dall'oppressione islamica, mescolata all'antagonismo etnico, è presente soprattutto nelle sfere privata, familiare e comunitaria ed è esercitata dall'ambiente sociale.
  • Sono stati rilevati meno episodi di violenza rispetto alla WWL 2016, con meno segnalazioni confermate di cristiani arrestati e riunioni cristiane colpite. Il punteggio rimane a un livello basso.
  • In Arabia Saudita la situazione persecutoria complessiva è caratterizzata da una forte pressione da parte della società e del governo sugli MBB in un Paese i cui cittadini sono ritenuti musulmani.

 

Prospettive future:

Nel breve periodo, non sono previsti cambiamenti importanti. Nelle previsioni annuali, l'Economist Intelligence Unit (unità di spionaggio) rileva l'ascesa del giovane principe Mohammed bin Salman, terza carica dello Stato, essendo venute meno le limitazioni sociali legate alla giovane età. Ci si attende che il conflitto per il potere nella regione con l'Iran domini l'agenda estera dell'Arabia Saudita. Le severe limitazioni religiose, tipiche dell'oppressione islamica nella sua forma pienamente sviluppata, continueranno a provocare una grave pressione sulle minoranze religiose, inclusi i cristiani. 

 

 

Scarica il Country Profile completo (in inglese)