Dona 
 
 

Bhutan

Periodo preso in esame:

1 novembre 2015 - 31 ottobre 2016

 

Posizione nella WWL:

WWL 2017: Punti: 61 / Posizione: 30

WWL 2016: Punti: 56 / Posizione: 38

 

Fonti di persecuzione:

La principale fonte di persecuzione che riguarda i cristiani in Bhutan è il nazionalismo religioso mescolato con l'antagonismo etnico.

 

Contesto:

Il Bhutan si trova fra due vicini giganteschi: l'India e la Cina. La democrazia continua a solidificare le proprie radici, seppure in un clima in cui tutti i partiti concordano sul ruolo dominante del buddismo nella società e riveriscono il re. Dopo le elezioni del 2013, l'opposizione è salita al potere senza difficoltà. I cristiani, che sono una piccola minoranza nella popolazione del Bhutan, ancora non hanno alcun riconoscimento giuridico formale.

 

Tipi di cristianesimo colpiti:

I pochissimi cristiani stranieri di solito si uniscono alle comunità familiari esistenti e quindi la categoria della WWL "comunità di cristiani stranieri o migranti" non è trattata come categoria separata in Bhutan. Inoltre non esistono comunità cristiane storiche. È quindi la comunità di convertiti al cristianesimo (con i convertiti di origine buddista, induista o tribale) e le comunità cristiane protestanti non tradizionali che stanno subendo una pressione molto elevata in tutte le sfere della vita.

 

Sfere di vita e violenza:  

  • In generale, la pressione sui cristiani è aumentata notevolmente ed è a un livello molto alto. Il governo ha perpetrato discriminazioni nei confronti dei cristiani (ad esempio, escludendo alcuni cristiani in occasione dell'emissione delle nuove carte di identità nazionali elettroniche) ed è aumentata anche la pressione da parte della società. 
  • La pressione è fortissima e a livelli molto elevati nelle sfere di vita della chiesa, della comunità e privata. Questo schema particolare indica il fatto che, in fondo, tutti i cristiani provengono da un contesto buddista, induista o etnico e sono visti come estranei in Bhutan.
  • La pressione risultante dalle fonti di persecuzione nazionalismo religioso e antagonismo etnico è presente in tutte le sfere.
  • È stato registrato un aumento del livello di violenza contro i cristiani, ma il punteggio rimane a un livello basso. Una chiesa è stata chiusa e un'altra attaccata. Tre cristiani sono stati arrestati per avere distribuito un trattato del Vangelo. 

 

Prospettive future: 

  • Il Bhutan affronta sfide economiche e deve dare alle giovani generazioni una prospettiva. 
  • Il paese fa grande affidamento sul turismo. Sia il numero dei turisti che le entrate apportate, percepite in valuta estera non possono essere facilmente aumentate ulteriormente.
  • Si spera che l'energia idroelettrica diventerà una seconda fonte di reddito. Sono stati fatti piani ambiziosi per diventare operativi entro il 2020. 

A seconda dell'evoluzione di questi sviluppi economici, potrebbero esservi ripercussioni per la minoranza cristiana. Se il paese si troverà in gravi difficoltà economiche, potrebbe dare una maggiore enfasi al proprio patrimonio culturale buddista, rendendo qualsiasi riconoscimento della crescente minoranza cristiana un sogno lontano. Se l'economia si sviluppasse positivamente, l'enfasi del paese sul proprio patrimonio buddista potrebbe allentarsi e rendere il riconoscimento della comunità cristiana una possibilità. Di conseguenza, il nazionalismo religioso, la fonte di persecuzione principale del paese, rimane il fattore decisivo che determina la situazione della minoranza cristiana.    

 

  

Scarica il Country Profile completo (in inglese)