Dona 
 
 

Giordania

Periodo preso in esame:

1 novembre 2015 - 31 ottobre 2016

 

Posizione nella WWL:

WWL 2017: Punti 63 / Posizione: 27

WWL 2016: Punteggio 59 / Posizione No 27

 

Fonti di persecuzione:

Le principali fonti di persecuzione subite da cristiani in Giordania provengono dall'oppressione islamica e dall'antagonismo etnico (correlato con l'oppressione islamica)

 

Contesto:

La società giordana è multi-etnica, fenomeno riflesso anche nell'ambito familiare reale. La Giordania ospita consistenti gruppi di rifugiati, perlopiù provenienti dalla Siria, come pure dall'Iraq e dall'Africa; ciò induce alla pressione economica, politica e religiosa, costituendo un potenziale fattore destabilizzante. Da un secolo e mezzo il numero di cristiani residenti nel paese è in calo. In termini di libertà religiosa, la Giordania è stata per lungo tempo uno dei paesi più liberali di quell'area. Tuttavia la tendenza sembra essersi invertita per i cristiani, in particolar modo per quelli convertitisi dall'islam (MBB), che soffrono la maggior persecuzione. 

 

Tipi di cristianesimo colpiti:

Le comunità di stranieri e migranti esistono, ma non come gruppo separato. Le comunità di cristiani storici, le comunità di convertiti al cristianesimo provenienti dalle file musulmane (MBB), e le comunità cristiane protestanti non tradizionali, sperimentano tutte vari livelli di persecuzione.

 

Sfere di vita e violenza:

  • Complessivamente la pressione esercitata sui cristiani in Giordania è a livelli molto alti e il punteggio medio è notevolmente cresciuto rispetto al periodo esaminato nella WWL del 2016 (l'incremento è anche dovuto ad aggiustamenti basati sulla maggiore reperibilità di informazioni). In realtà, la pressione sui cristiani, di fatto, non ha subito grandi variazioni rispetto alla WWL del 2016. 
  • La pressione è più dura e raggiunge picchi molto alti nella sfera privata, religiosa e familiare. Questo è tipico di una situazione nella quale l'oppressione islamica rappresenta la principale fonte di persecuzione in concomitanza con l'antagonismo etnico. 
  • La pressione derivata dall'oppressione islamica nella sfera privata, familiare e comunitaria affligge in special modo gli MBB, per i quali famiglie, autorità locali e capi non cristiani rappresentano un rilevante veicolo di persecuzione.
  • Il punteggio delle violazioni decresce in rapporto alla WWL del 2016 restando a un livello basso.
  • La pressione complessiva in Giordania è caratterizzata da una seria oppressione degli MBB e da una situazione di relativa libertà per le altre tipologie di cristianità, fintanto che non sforano la linea, evangelizzando i musulmani.

 

Prospettive future:

Il re giordano Abdullah II vuole riformare la società e sta promuovendo misure vantaggiose per le minoranze religiose, inclusi i cristiani. Questo fatto divide la società provocando sommosse, specie fra i musulmani conservatori. L'assassinio extra-giudiziale di un prominente autore, che postò un cartone animato scimmiottante il dio del Daesh (IS), dimostra quanto la libertà d'espressione sia stata repressa da elementi musulmani radicali. Tutto ciò conduce a un incremento della pressione nei confronti dei cristiani e di altri, la cui visione non è in linea con l'islam radicale.

 

  

Scarica il Country Profile completo (in inglese)