Dona 
 
 

Iraq

Periodo preso in esame:

1 novembre 2015 - 31 ottobre 2016

 

Posizione nella WWL:

WWL 2017: Punti: 86 / Posizione: 7

WWL 2016: Punti: 90 / Posizione: 2

 

Fonti di persecuzione:

La principale fonte di persecuzione che riguarda i cristiani in Iraq è l'oppressione islamica. Sono presenti, anche se in misura minore, antagonismo etnico (mescolato con oppressione islamica), corruzione e crimine organizzati e protezionismo confessionale

 

Contesto:

I cristiani hanno vissuto in Iraq per due millenni, ma attualmente sono in via di estinzione. L'Iraq ha sofferto anni di incertezza strutturale, conflitti e instabilità sotto un governo incapace di far rispettare lo stato di diritto e di fornire un minimo di sicurezza. L'Iraq è diviso in due parti, la regione curda, semi-autonoma nel nord, e la gran parte araba rimanente. Le divisioni settarie hanno frammentato ulteriormente la società irachena sotto l'influenza dei militanti islamici, non da ultimo la creazione del califfato dello Stato Islamico (IS). D'altra parte, ci sono anche scintille di speranza dato che crescono le opportunità per le chiese di evangelizzare i rifugiati.

 

Tipi di cristianesimo colpiti:

Le comunità di cristiani stranieri o migranti non sono state considerate come categoria separata in questo contesto, poiché questi cristiani in genere non operano come gruppo separato. Le comunità cristiane storiche e le comunità cristiane protestanti non tradizionali sono gravemente colpite dalla persecuzione, soprattutto da parte dei movimenti islamici radicali, dalle autorità e dai leader non-cristiani. Le comunità di convertiti al cristianesimo di origine musulmana (MBB) subiscono gravi persecuzioni, specialmente da parte della famiglia, ma anche per tutte le cause menzionate precedentemente se la loro fede è nota.

 

Sfere di vita e violenza:

  • La pressione generale sui cristiani è a un livello estremo ed è leggermente aumentata rispetto al periodo di riferimento della WWL 2016. Si registrano livelli di pressione estremi in tutte le sfere di vita. Questo è tipico di una situazione in cui sono in gioco molte diverse fonti di persecuzione. 
  • La pressione derivante dall'oppressione islamica influisce su tutte e cinque le sfere di vita, soprattutto per i convertiti. 
  • L'antagonismo etnico (mescolato alla pressione islamica) è predominante nelle vita di famiglia e nella sfera privata.
  • Corruzione e crimine organizzato sono maggiormente presenti nella vita di comunità e nella sfera pubblica.
  • Il protezionismo confessionale colpisce soprattutto le sfere di chiesa, di famiglia e della vita privata.
  • Il punteggio sulla violenza è molto alto, ma è sceso rispetto alla WWL 2016 (che copriva l'inizio del califfato dello Stato Islamico). Si sono verificati meno incidenti violenti contro i cristiani poiché molti sono fuggiti dalle aree controllate dall'IS e da altri estremisti islamici.
  • La situazione complessiva delle persecuzioni in Iraq è caratterizza da impunità, minaccia di attacchi da parte di estremisti islamici e trattamento discriminatorio da parte delle autorità.

 

Prospettive future:

Anche se potrebbe essere necessario molto tempo, si prevede che l'IS venga espulso dal territorio che ha occupato. I poteri politici sono uniti nella battaglia contro l'IS, ma potrebbero essere risucchiati in una lotta di potere con i curdi che vorranno perseguire ulteriormente l'indipendenza. I cristiani rischiano di essere trascinati in questa lotta per il potere. 

 

 

Scarica il Country Profile completo (in inglese)