Dona 
 
 

Repubblica Centrafricana

Periodo preso in esame: 

1 Novembre 2015 - 31 Ottobre 2016

 

Posizione nella WWL:

WWL 2017: Punti: 58 / Posizione: 34

WWL 2016: Punti: 59 /  Posizione: 26

 

Fonti di persecuzione:

Le fonti di persecuzione che colpiscono i cristiani nella Repubblica Centrafricana (CAR) sono l'oppressione islamica e, in misura minore, l'antagonismo etnico.

 

Contesto:

La recente guerra civile è costata migliaia di vite, lo sfollamento di altre centinaia di migliaia, e ha causato gravi distruzioni alle proprietà. Anche se i Séléka ora sono stati respinti fuori da varie zone del paese, numerose sfide rimangono. A Bangui, un crescente gruppo di militanti islamici continua a mantenere una roccaforte nella cosiddetta enclave PK5 dove instilla un regno di terrore. Nel nordest, che è popolata principalmente da musulmani, i cristiani sono stati costretti a fuggire dai loro villaggi ed è stato negato loro l'accesso ai campi. Grandi gruppi di cristiani vivono in condizioni di estrema povertà nei campi profughi. Nell'anno appena passato si sono tenute le elezioni e qualche miglioramento della situazione si è avuto specie in tema di sicurezza.

 

Tipi di cristianesimo colpiti:

La Repubblica Centrafricana è sede di tre categorie di Cristianesimo: comunità di Chiese storiche, comunità di convertiti provenienti dall'islam e comunità di cristiani protestanti non tradizionali. Tutte sono colpite da persecuzione in egual misura.

 

Sfere di vita e violenza: 

  • In generale, la pressione sui cristiani nella Rep. Centrafricana è a livelli elevati ed è aumentata rispetto alla WWL 2016. Questo principalmente perché i riverberi della guerra civile (che ha sfumature religiose) pervadono tutti gli aspetti della vita nelle zone del paese dominate dai musulmani. 
  • La pressione si sviluppa in modo abbastanza uniforme su tutte le sfere della vita, ma è più forte nella sfera chiesa.   
  • La violenza contro i cristiani è a un livello molto alto, ma presenta un decremento rispetto alla WWL 2016 quando era a un livello estremo. Nel periodo preso in esame dalla WWL 2017, alcuni Séléka  hanno continuato a rendersi responsabili di episodi di violenza contro i cristiani nelle province nordorientali del paese e in alcune zone di Bangui.
  • La situazione complessiva della persecuzione nella Rep. Centrafricana è quella di un paese che deve ancora emergere pienamente da una guerra civile che è stata combattuta in parte dietro spinte religiose. Gli effetti di questo conflitto si fanno ancora sentire in molte parti del paese.

 

Prospettive future:

Il recente conflitto nella Rep. Centroafricana ha cambiato radicalmente il rapporto tra cristiani e musulmani nel paese. Si corre il grave rischio che la polarizzazione e il conflitto tra musulmani e cristiani continuino a esacerbare i conflitti religiosi nel paese, questo avverrà se non si riuscirà a sviluppare un processo di riconciliazione e a porre fine al ciclo di impunità. Nonostante le recenti elezioni (che molti speravano avrebbero portato una nuova possibilità di riconciliazione), la milizia Séléka non sembra disposta a deporre le armi e quindi vi è ancora un grave rischio di una ricaduta in violenti conflitti settari.

 

 

Scarica il Country Profile completo (in inglese)