Dona 
 
 
 

Laos: lasciare la famiglia per la tua fede?

Cheu ha abbracciato Gesù e al contempo la famiglia ha iniziato a perseguitarlo. Ma oggi ha trovato una seconda famiglia…

Cosa succederebbe se la tua famiglia ti rifiutasse a causa della tua fede in Gesù? Te ne andresti? Questo è il dilemma di Cheu. I credenti di paesi buddisti provengono da famiglie molto unite, chiuse in comunità tradizionali. Il Laos è uno di questi paesi, al 24° posto della WWList.
"Un giorno, mio fratello e mio zio sono venuti da me e mi hanno invitato ad andare a casa loro. Non immaginavo che  mi avrebbero legato e picchiato. Mi gridavano che dovevo tornare alla mia vecchia fede e che avrebbero continuato a picchiarmi se non avessi rinnegato Cristo. Mio fratello, un uomo di media statura, ma di solida costituzione, mi colpiva a mani nude sul collo e sul viso: era una furia. Sono stato legato dalle 7 del mattino fino alle 7 di sera", ricorda Cheu.

Cheu (20 anni), sposato e padre di un bambino di 4 mesi, è membro di una tribù Hmong in una delle province del nord del Laos. Ha sentito parlare del Vangelo da un parente che una volta era stato perseguitato e che Porte Aperte aveva aiutato curando i traumi che aveva subito per la persecuzione. "Mia moglie era malata", ricorda Cheu. "Aveva mal di stomaco e siamo andati dallo sciamano del nostro villaggio. Lui ci ha detto che per poterla guarire dovevamo offrire degli animali in sacrificio: una mucca, un maiale e altri ancora. La mia famiglia è molto povera e non ce li potevamo permettere". Come ultima spiaggia è andato da Lha (pseudonimo), il parente cristiano, gli ha chiesto di pregare per la moglie ed è guarita. Quel fatto ha scatenato qualcosa in lui spingendolo a cercare Dio e a chiedersi cosa il Signore volesse fare della sua vita. Ha accettato Gesù Cristo come suo salvatore personale e lentamente ha cominciato a vivere una vita di cristiana, ma presto è iniziata la persecuzione. "Sapevo che sarei stato perseguitato e infatti è successo. Il capo del villaggio ha detto a mio fratello e a mio zio di picchiarmi e perseguitarmi", afferma Cheu.

Un giorno dopo un altro rapimento con sessione di torture, è giunta la minaccia definitiva: “Se non ritorni alla religione tradizionale, ti uccideremo” gli hanno intimato.  “Quel giorno, una volta libero ho chiesto al Signore la sua guida e di perdonare loro. La mattina presto sono andato a prendere mia moglie. Siamo saliti su un autobus e fuggiti qui. Fino ad ora, mio zio, mio fratello e la mia famiglia non sanno dove siamo, ma so che ci stanno cercando. Ho sentito che, insieme al capo del villaggio, hanno detto che se tornerò a casa, mi uccideranno".

Cheu e sua moglie sono stati accolti da una comunità di famiglie cristiane a 24 ore di autobus dal suo villaggio. Questa chiesa è sempre aperta ai bisognosi, una vera testimonianza di chiesa evangelica Hmong che ospita i cristiani perseguitati da tutto il Laos. Una seconda famiglia donata a Cheu che provvede loro e li difende.  "Niente può abbattere la mia convinzione, non tornerò indietro mai. Continuerò a credere in Gesù. Mi sacrificherò a Dio. Lo seguirò ovunque voglia e farò ciò che mi chiederà".