Dona 
 
 
 

Nigeria: Non dimenticheremo mai quello che state facendo per noi

Il conflitto in atto ha creato un disastro umanitario nel nord-est della Nigeria. Porte Aperte sta fornendo aiuto a 15.000 famiglie cristiane disperate, che hanno affrontato la discriminazione oltre alla fame. Osagie, responsabile della squadra di Porte Aperte in Nigeria, ci spiega cosa significhino questi aiuti alla Chiesa in Nigeria del Nord.

D. Qual è l'entità della crisi e come colpisce i cristiani?
Alla fine dell'anno scorso quasi 2 milioni di nigeriani sono stati sfollati a causa del conflitto. Gran parte del conflitto è stato causato dai militanti islamici di Boko Haram che combattono dal 2009 per stabilire un califfato in Nigeria. Benché la violenza abbia colpito anche i musulmani non allineati con l'ideologia dei Boko Haram, il gruppo ha ucciso e rapito i cristiani e ha distrutto le loro chiese, attività e abitazioni. Gli stati nord-orientali di Adamawa, Borno e Yobe hanno sofferto maggiormente e quasi 7 milioni di persone hanno bisogno di aiuti alimentari. Più della metà di questi sono bambini. Ma anche le donne e le persone anziane sono molto vulnerabili.
Oltre a ciò, il governo federale ha deciso di chiudere i campi di sfollati per costringere le persone a tornare nei villaggi e riprendere la propria vita (e le attività economiche). Chiudere i campi crea anche l'impressione che la pace sia stata ripristinata. Ma al tempo stesso è anche sempre più difficile fornire cibo a tutti gli sfollati. Nello stato di Adamawa diversi campi sono già stati chiusi.
Questo provoca difficoltà terribili per le persone. Poiché l'insicurezza continua, le persone non riescono a riprendere le coltivazioni. Infatti, la maggior parte di loro non è stata in grado di farlo negli ultimi 3 anni. La Nigeria sta ora entrando nella stagione magra, poiché le famiglie hanno utilizzato tutte le loro riserve alimentari. L'insicurezza impedisce inoltre alle organizzazioni di soccorso di accedere alle aree maggiormente colpite. A peggiorare le cose, apprendiamo che l'ONU finora ha raccolto meno di un terzo dei fondi necessari per gli aiuti.
È molto difficile determinare il numero esatto dei cristiani colpiti. Stimiamo che i cristiani formino circa il 54% della popolazione di Adamawa, il 30% di Borno e quasi il 7% di Yobe. In questi stati, i cristiani subiscono molte discriminazioni quotidiane, ma purtroppo anche nel ricevere aiuti.

D. A parte queste cifre, cosa vi ha convinto dell'urgenza di intervenire?
Questa fame non è nata dal giorno alla notte. Negli ultimi anni abbiamo assistito all'aumento della fame nei campi improvvisati e nelle comunità ospitanti, poiché il cibo è diventato sempre più scarso e le persone sono state incapaci di gestire le coltivazioni. Inizialmente, i cristiani si aiutavano l'un l'altro e, durante la crisi di Boko Haram (2012-2014), dovevamo solo aiutare i pastori con del cibo in modo che loro potessero aiutare le persone che cercavano rifugio nelle loro case e nei campi improvvisati dalle chiese. Ma la situazione è diventata così terribile in questi campi che la gente non poteva più aiutarsi a vicenda. Abbiamo assistito cristiani che in alcuni luoghi non avevano altro che foglie da mangiare. Abbiamo iniziato a vedere bambini morire di malnutrizione. Ma dato che la sofferenza dei cristiani e la discriminazione che essi affrontano negli aiuti di prima necessità è un messaggio politicamente sconveniente, quasi nessuno lo ha diffuso.
I cristiani della Nigeria settentrionale, che sono per lo più coltivatori di grano, sono un gruppo resiliente. Se si comincia a vedere sempre più di questi agricoltori trasferirsi in luoghi come Abuja, Lagos e Jos, bussare alle porte e chiedere di fare i lavori più umili solo per guadagnare qualcosa per acquistare cibo, capite che la situazione è disperata.
E ti basta assistere alla distribuzione di beni di soccorso per comprendere come sono disperate le persone. In alcuni casi temevamo che la gente avrebbe sfondato le recinzioni per arrivare al cibo. Abbiamo visto donne svenire. In alcuni casi alcuni ci hanno detto in lacrime che non avevano più cibo per nutrire i loro figli. Quando spostiamo i sacchi di grano, c'è sempre del grano che cade a terra. È sconvolgente vedere la gente correre per raccogliere quei granelli caduti perché sono disperatamente affamati.

D. Come risponderà Porte Aperte alla crisi?
Stiamo fornendo beni di soccorso a 15.000 famiglie - circa 75.000 individui - nelle aree maggiormente colpite. Aiutiamo specificamente i cristiani sfollati dalla violenza continua dei Boko Haram e si trovano a fronteggiare la discriminazione nella fornitura di aiuti alimentari, quelli che sono costretti a tornare ai loro villaggi distrutti e quelli che sono stati costretti a tornare dal Camerun. Le vedove, i loro figli e gli anziani hanno la massima priorità. Abbiamo identificato queste persone con l'aiuto della chiesa locale.
Ogni famiglia riceve 50 kg di fagioli, 100 kg di granturco e una somma in contanti. Fagioli e granturco sono i prodotti principali di questa zona, e il denaro può aiutarli a coprire costi quali il carburante, il sapone e l'affitto di casa. Anche se di solito includiamo l'acqua, abbiamo optato per escludere l'acqua questa volta, in modo da poter aiutare più famiglie. Anche se non è perfetta, l'acqua è comunque accessibile dai pozzi locali in queste aree. La scarsità di cibo non è il risultato della siccità, ma della violenza che interferisce con la vita. Questi soccorsi sosterranno ogni famiglia per almeno 2 mesi e li aiuterà a passare attraverso il periodo difficile.

D. Hai citato la discriminazione nei campi profughi. Ne avete le prove?
Questo è qualcosa che sentiamo regolarmente nella nostra interazione con i cristiani. Lo sentiamo ogni volta, anche la settimana scorsa durante la distribuzione. Rhoda ci ha detto: "Alcune organizzazioni aiutavano la gente, ma lo condividono solo tra loro, cioè tra musulmani. I cristiani non li ricevono". Un altro cristiano, Laraba, ci ha anche detto: "Ci sono alcune cose che il governo portava per aiutare la gente, ma noi cristiani non le abbiamo ricevute".
Devi chiederti: perché la maggior parte dei cristiani non rimane nei campi di sfollati? Se la vita fosse buona e avessero ottenuto quello di cui avevano bisogno, perché cogliere la prima opportunità di lasciare il campo per andare a soffrire in un campo improvvisato? Per esempio, perché sovraffollare il compound di una chiesa, se ricevi l'aiuto necessario in un campo del governo? Ma non solo i semplici cristiani parlano di ingiustizie. Anche il vescovo di Maiduguri, Oliver Dashe Doeme, si è lamentato con i media che la maggior parte delle donazioni provenienti dall'Occidente non vanno direttamente alle persone, perché il governo insiste affinché giungano attraverso le proprie agenzie e da lì finiscono facilmente nelle tasche di alcuni individui.
Nel contesto nigeriano, la discriminazione può facilmente accadere. Il paese combatte con una profonda corruzione a vari livelli di governo e non è diverso nell'ambito degli aiuti alimentari. Il governo non consente alle agenzie delle Nazioni Unite e ad altre organizzazioni umanitarie di cogestire i campi di sfollati nel nord-est, e questo ha peggiorato la distribuzione a coloro che ne hanno più bisogno. Ecco perché agiamo in altri modi.

D. Qual è il coinvolgimento della chiesa locale in questi aiuti?
Sarebbe stato impossibile fare questo lavoro senza il sostegno della chiesa locale. Oltre ad aiutarci a individuare i casi più critici, la distribuzione viene fatta da componenti della chiesa per garantire un certo livello di sicurezza. I volontari locali della chiesa aiutano con la distribuzione mentre i membri del personale di Porte Aperte supervisionano.

D. Come si inseriscono questi aiuti nel nostro programma globale per rafforzare la Chiesa perseguitata?
Porte Aperte lavora con i partner della chiesa locale per rafforzare, sostenere, attrezzare e fornire assistenza ai credenti perseguitati nella Nigeria settentrionale. Questa collaborazione supporta le seguenti attività:

  • Preparazione alla persecuzione
  • Istruzione cristiana
  • Missione olistica per la trasformazione della comunità
  • Cura e discepolato dei nuovi credenti
  • Sviluppo di responsabili-servi
  • Assistenza legale
  • Consulenza per i traumi
  • Aiuti umanitari (La violenza contro i cristiani non è solo legata ai Boko Haram. Nella Middle Belt della Nigeria, le comunità cristiane stanno fronteggiando continui attacchi dagli allevatori fulani musulmani. Stiamo fornendo aiuti umanitari anche lì)

D. Quali sono le sfide necessarie per fornire questi aiuti.
Aiutare un così grande numero di persone è un massiccio impegno logistico. Farlo in aree, dove le persone temono per la propria sicurezza a causa degli attacchi continui, lo complica ulteriormente. La necessità travolgente rende le persone disperate ed è molto difficile controllare le folle. Inoltre, la stagione delle piogge è arrivata presto e ci ha costretti a tenere il cibo al coperto, cosa che speravamo non fosse necessaria.

D. Che cosa significano questi aiuti per i cristiani locali?
Non trovo le parole per descrivere la loro gratitudine. Ieri, il pastore Amos mi ha telefonato da Lassa per ringraziare personalmente Porte Aperte per i soccorsi che abbiamo consegnato. Piangeva mentre mi diceva: "Siamo grati per questi aiuti alimentari. Per favore di' alla gente che ha donato questi aiuti che non dimenticheremo mai quello che hanno fatto per noi. Questo cibo che ci avete dato durerà anche 3 mesi. Il denaro che avete incluso in ogni pacco è un aiuto incredibile. Non abbiamo mai avuto un simile aiuto. Avete fatto quello che la Chiesa a Lassa non poteva fare perché siamo così deboli, avete dimostrato la preoccupazione di Dio per noi. Avete dimostrato l'amore di Dio. Domenica, la gente è venuta in chiesa in massa per lodare Dio. E ringraziano le persone che hanno fornito loro questi aiuti".

D. Cosa vuoi dire alle persone che sostengono questo progetto?
Divento emotivo quando ci penso. I sostenitori non crederanno a ciò che questi aiuti significano per tutti noi. Sappiamo che le persone fanno sacrifici per aiutarci, e questo ci commuove. Non dimenticheremo la vostra opera d'amore. Stiamo pregando per tutti voi e anche i beneficiari stanno pregando per tutti voi. Ringraziamo Dio per voi. Sappiate che questo sta facendo una grande differenza per noi e per coloro che ne beneficiano. Queste sono le cose che fanno splendere la luce di Dio nel Nord della Nigeria. Noi siamo i messaggeri per loro dell'amore di tutti voi che pregate per noi e ci sostenete in questo sforzo di soccorso.

D. Come possiamo pregare per voi?
Pregate per il completamento del lavoro e la benedizione di Dio sulla logistica.
Pregate che la sicurezza sia ripristinata e che gli agricoltori possano piantare e raccogliere nuovamente per mantenere le loro famiglie. Pregate che questi aiuti incoraggino i cristiani e ricordino loro continuamente l'amore di Dio per loro. Pregate che attraverso questi aiuti, molti, che non conoscono il Signore, giungano a un rapporto personale con Lui.
Pregate per la squadra:

  • Per la nostra salute - lo stress si manifesta con tutti i tipi di disturbi fisici.
  • Per le nostre famiglie che si preoccupano per noi. Anch'essi portano un carico pesante. Pregate che siano consci che Dio si prenderà cura di noi.
  • Per la protezione, specialmente nelle distribuzioni. Boko Haram ha intensificato gli attacchi in alcune aree del Nord e ha avvertito che li intensificherà ulteriormente.