Periodo preso in esame:

1 novembre 2018
31 ottobre 2019

Posizione nella WWL:

WWL 2020
Punti: 65 / Posizione: 30
WWL 2019
Punti: 58 / Posizione: 46
WWL 2018
Punti: 57 / Posizione: 44

Dati Generali

Leader: Presidente Gotabaya Rajapaksa
Popolazione: 21.019.000
Cristiani: 1.994.000
Religione Principale: Buddismo
Governo: Repubblica presidenziale

Fonti di persecuzione (elencate in ordine di intensità):

  • Nazionalismo religioso.
  • Oppressione islamica.
  • Protezionismo confessionale.

Perché i cristiani sono perseguitati in Sri Lanka?

Nella concezione secolare, lo Sri Lanka ha una costituzione che dà uno status privilegiato al buddismo, e questa supremazia buddista è ampiamente condivisa nel paese.

Il tempio, la comunità e l’agricoltura insieme formano il “triangolo” della vita singalese. In questa visione della società, gli intrusi non sono i benvenuti. I gruppi buddisti nazionalisti non sono così interessati ai temi filosofici del buddismo, così popolari in Occidente poiché sono determinati a difendere la vita singalese da quelle che considerano essere delle minacce.

I cristiani appartenenti a comunità cristiane storiche godono di un po’ più libertà nell’esprimere la propria fede, ma i credenti di origine buddista convertiti al cristianesimo sono trattati come cittadini di seconda classe. Gli attacchi di Pasqua 2019 inferti a diverse comunità, nei quali furono uccise più di 250 persone e più di 500 furono ferite, sono stati commissionati da un piccolo gruppo di radicali islamici e hanno colto di sorpresa tutti gli osservatori.

Per quale motivo Lo Sri Lanka ha cambiato posizione nella WWL?

Perlopiù a causa di un incremento di 6 punti nel punteggio relativo alla violenza, il risultato degli attacchi di Pasqua. Ma anche perché la pressione è aumentata sui convertiti al cristianesimo di origine buddista, musulmana e indù.

Com’è la vita per i cristiani in Sri Lanka?

I credenti di origine buddista, induista o musulmana convertiti al cristianesimo affrontano imbarazzo e discriminazione causati dalle proprie famiglie e comunità. Sono pressati per rinnegare la loro nuova fede, poiché la conversione è vista come un tradimento della propria etnicità.
La maggior parte delle scuole statali non insegna il cristianesimo come materia, ma ai bambini cristiani è richiesto di studiare il buddismo o l’induismo.

Citazioni

Il pastore Kumaran, padre del dodicenne Malkiya rimasto ucciso nell’attacco di pasqua:
“Lo scorso anno, mio figlio Malkiya ha scritto un tema sull’apostolo Paolo. Scrisse che voleva impegnarsi come sacrificio a Dio, come martire. E poi la scorsa Pasqua, è avvenuta l’esplosione. Ancora racconto alle persone di te (riferito ad un membro del team di risposta rapida) che sei venuto per stare con noi in quel momento di dolore. Sei venuto qui solo per spendere del tempo con noi. Ci hai confortato. Sono un pastore e non mi posso abbattere, sai? Ma tu ci hai permesso di raccontarti la nostra storia e ci hai confortato.”

Porte Aperte, come aiuta i cristiani in Sri Lanka?

Siccome la persecuzione è spesso violenta in Sri Lanka, i pastori perdono le proprie case e le comunità perdono i locali di adorazione. Porte Aperte li aiuta a guadagnarsi da vivere e li supporta ricostruendo case e comunità riaccendendo la speranza per credenti e ministri. L’aiuto può anche arrivare in forma di assistenza medica per le vittime di violenza a causa della propria fede, o provvedendo formazione di preparazione alla persecuzione per aiutare i credenti a sapere cosa fare di fronte alle sfide.

Porte Aperte rafforza le comunità in Sri Lanka:

  • Provvedendo la presenza di ministri, la preghiera, e incoraggiamento ai credenti colpiti dalla persecuzione.
  • Provvedendo assistenza tramite progetti di auto sostentamento per i credenti perseguitati.
  • Assistendo le comunità che hanno affrontato la violenza e sono nel bisogno di aiuto.
  • Preparando i credenti ad affrontare la persecuzione attraverso seminari intitolati Restare forti durante la tempesta.
  • Provvedendo letteratura cristiana per laureati di seminari biblici e altro.
  • Provvedendo bibbie per i neo-convertiti e conducendo corsi di formazione al discepolato per loro.
  • Provvedendo assistenza finanziaria per gli insegnanti volontari che insegnano il cristianesimo nelle scuole buddiste.

Come pregare per la nazione

Pregate per i sopravvissuti all’attacco di Pasqua del 2019. In tre comunità e tre hotel sono state fatte esplodere delle bombe dagli estremisti musulmani, uccidendo almeno 250 persone. Pregate per la forza e la consolazione per le comunità cristiane prese di mira dagli attacchi. Pregate per l’unità tra tutte le comunità del Sri Lanka.

La maggior parte delle volte comunque, la persecuzione arriva da estremisti buddisti. Pregate per i pastori dello Sri Lanka che sono derisi e frequentemente disturbati dai propri vicini mentre svolgono i culti. Per favore pregate che essi non rinuncino alla fede e che possano trarre forza dal Signore quando si sentono stanchi.

A parte i bombardamenti, la persecuzione dei cristiani in Sri Lanka sta sperimentando una transizione dalla violenza (distruzione) alle forme amministrative e legali (pressione). Molti credenti e comunità sono inconsapevoli dei propri diritti legali e finanziariamente impreparati ad affrontare gli oneri nelle corti. Abbandonano la battaglia legale in molti casi. Conseguentemente, se non incarcerati, finiscono per avere casellari giudiziari che possono compromettere la loro posizione nella società. Pregate per la protezione legale per i nostri pastori in Sri Lanka che non siano abusati e bullizzati dal governo.

UNA PREGHIERA PER LO SRI LANKA

Padre Dio, grazie per i nostri fratelli e sorelle in Sri Lanka. Sii tra loro quando si riuniscono nelle loro comunità. Ti preghiamo per tutti quelli che sono stati raggiunti negli attacchi nelle proprie comunità nel giorno di pasqua. Porta guarigione a quanti sono stati feriti e consolazione a quanti hanno subìto perdite. Dona loro la forza e la grazia di perdonare, e rialzali per essere una luce nell’oscurità, che altri possano essere condotti al tuo amore e alla tua compassione.