Periodo preso in esame:

1 novembre 2016
31 ottobre 2017

Posizione nella WWL:

WWL 2018
Punti: 69 / Posizione: 18
WWL 2017
Punti: 71 / Posizione: 17
WWL 2016
Punti: 66 / Posizione: 20

Dati Generali

Leader: Tran Dai Quang
Popolazione: 95.415.000
Cristiani: 8.368.000
Religione Principle: Buddismo
Governo: Stato comunista

Da dove viene la persecuzione

Il governo, a tutti i livelli (da quello centrale a quello locale) perseguita la minoranza cristiana sia mediante le leggi che vengono promulgate, sia attraverso le modalità con le quali tali leggi vengono implementate (e male interpretate) ai livelli più bassi dell’amministrazione. Il 1 gennaio 2018 entra in vigore una di queste nuove disposizioni normative.

I leader dei gruppi etnici, nel loro intento di perpetuare la cultura tribale, escludono i cristiani e li vedono come traditori della loro cultura e identità. Anche gli abitanti dei villaggi, condividendo un’avversione di fondo e con i favori dell’autorità locale, perseguitano i cristiani, picchiandoli, espellendoli dai villaggi o disturbando le loro riunioni, ad esempio con lanci di pietre contro i locali nei quali si riuniscono.
I cristiani sono privati dell’eredità da parte dei genitori non credenti che li escludono dai rapporti familiari, al punto da costringere un coniuge cristiano al divorzio, rivendicando il diritto di custodire i figli dei genitori cristiani.

Qual è l’impatto sui cristiani?

Le comunità cristiane storiche come quella Cattolica Romana, che rappresenta la maggioranza dei cristiani vietnamiti, generalmente hanno maggiori libertà di movimento, nonostante siano monitorate. Ad ogni modo, se i cristiani di fede cattolica s’impegnano politicamente, diventando blogger o ad esempio attivisti contro l’inquinamento, vengono presi di mira dalle autorità e possono essere arrestati e processati. In diverse città e provincie vietnamite, le diocesi cattoliche possiedono ampi appezzamenti di terreno che vengono sistematicamente sottratti dalle autorità per motivi economici. Le proteste contro tali pratiche non hanno avuto il minimo riscontro.

Coloro che si convertono al cristianesimo provenendo dalle religioni tribali, e quanti non provengono dal protestantesimo tradizionale, vengono perseguitati in maniera molto più intensa, soprattutto se vivono nelle aree rurali e più remote del centro e del nord del Vietnam.
Molti di questi appartengono alle minoranze etniche del paese, come gli Hmong, e stanno sperimentando vari tipi di persecuzione. Si passa dall’esclusione sociale, ai maltrattamenti e alle discriminazioni, per arrivare agli attacchi più violenti, che li costringe a lasciare le proprie abitazioni distrutte, venendo espulsi dai villaggi. In molti casi, le autorità comuniste locali non sono direttamente coinvolte, ma pagano dei teppisti che aggrediscono i cristiani. Capita, pertanto, che i cristiani lascino il paese e chiedano asilo politico nelle nazioni vicine, come ad esempio la Cambogia. Spesso però sono rimandati indietro a causa delle pressioni da parte del governo vietnamita.

Esempi

  • I bambini cristiani, appartenenti a etnie minoritarie, sono discriminati a scuola e non ricevono le stesse attenzioni date agli altri studenti; inoltre le loro esigenze di ordine medico sono spesso trascurate. Ad alcuni è persino vietato frequentare la scuola per via della loro fede cristiana. Quando gli studenti, che vivono nelle aree tribali della parte centrale del paese, si convertono al cristianesimo, i loro istituti scolastici li minacciano di espulsione. Anche gli insegnanti cercano di scoraggiare gli studenti cristiani, dicendo che nessuno sarebbe disposto ad assumerli dopo il loro diploma, proprio a causa della loro fede, perciò per loro sarebbe meglio rinunciare alla fede cristiana.
  • La vicenda dei rifugiati cristiani Montagnard, che lasciarono le provincie centrali vietnamite a causa della persecuzione per spostarsi in Cambogia, ha preso una nuova svolta nel periodo preso in esame dalla WWList 2018. Mentre più di 100 rifugiati sono stati rimpatriati, è stato riferito che da marzo 2017, 50 Montagnard hanno lasciato la Cambogia per andare in Thailandia. Questo dimostra quanto questi cristiani cerchino di evitare la persecuzione in atto in Vietnam.
  • Il 7 giugno 2017, dei vandali hanno attaccato di nuovo un edificio della chiesa cattolica, la cui congregazione è nota per le sue aperte critiche nei confronti della gestione da parte del governo di una devastante fuoriuscita di rifiuti tossici avvenuta nel 2016.
  • Nei primi sei mesi del 2017, il Vietnam ha arrestato diversi attivisti e blogger cattolici, nonché alcuni pastori protestanti. In modo del tutto inaspettato, ha anche esiliato un professore cattolico in Francia e un pastore protestante negli Stati Uniti.

Come Porte Aperte aiuta la Chiesa in Vietnam

Il ruolo di Porte Aperte/Open Doors è fondato sui seguenti pilastri:

  • Corsi di studio biblico per la formazione di responsabili preparati a sopperire al bisogno delle numerose chiese in crescita.
  • Equipaggiare e preparare credenti in ministeri rivolti in modo particolare a bambini, giovani e donne.
  • Distribuzione di Bibbie di vario genere (anche per bambini in lingua locale), libri cristiani utili a comprendere meglio la parola di Dio nella lingua locale.
  • Corsi di alfabetizzazione e sviluppo socio-economico.
  • Patrocinio e soccorso immediato ai cristiani perseguitati dei villaggi più remoti.

La maggioranza dei cristiani protestanti proviene da gruppi etnici di minoranza, per questo motivo c’è un grande bisogno di materiale tradotto nelle loro lingue locali. In alcuni idiomi locali è possibile trovare bibbie e altro materiale. In altre zone e aree tribali, non è possibile trovare alcun tipo di materiale tradotto, perciò Porte Aperte/ Open Doors ritiene importante sostenere il lavoro di traduzione di materiale in lingua locale.

Cristiani provenienti da gruppi etnici della zona centrale e settentrionale del paese fronteggiano una forte pressione da parte delle popolazioni locali e delle forze di polizia. É quindi essenziale preparare i cristiani a essere pronti e a rimanere saldi nella persecuzione. Inoltre una parte molto importante è quella di individuare e preparare dei leader emergenti.

Come il corpo di Cristo può pregare per il Vietnam

  • Pregate affinché venga sviluppato un modo adeguato per discepolare i numerosi credenti etnici che stanno venendo alla fede.
  • Pregate per quei parenti all’interno delle famiglie che mettono sotto pressione i cristiani affinché ritornino ai loro vecchi usi e costumi. Pregate affinché Cristo sia visibile nei loro parenti convertiti.
  • Il governo si sta impegnando per contenere e monitorare la crescita numerica della minoranza cristiana. Pregate che i nostri fratelli possano ricevere maggiori libertà da parte del governo, in modo da vivere la fede cristiana apertamente.