Tagikistan
Leader
Presidente Emomali Rahmon
Popolazione
9.657.000
Cristiani
65.300
Religione principale
Islam
Governo
Repubblica presidenziale

Livello di persecuzione

Violenza
0.7
Vita di chiesa
13.2
Vita civile
12.6
Vita sociale
12
Vita famiglia
12.3
Vita privata
13.8

Tagikistan

Sceso di 12 posizioni rispetto alla World Watch List 2021.

Fonti di persecuzione

Che aspetto ha la persecuzione in Tagikistan

Il governo del Tagikistan è fortemente autoritario, retto dal presidente Emomali Rahmon dal 1994. A causa della struttura totalitaria del governo, la percezione di qualsiasi “deviazione”, di qualsiasi gruppo, viene trattata con sospetto. Ciò significa che le autorità esercitano una pressione significativa sui cristiani attraverso il rafforzamento delle leggi esistenti e la loro applicazione rigorosa, come ad esempio la notevole limitazione della formazione pubblica dei responsabili di chiesa. La Chiesa ortodossa russa è registrata e in qualche modo tollerata poiché di solito non cerca di raggiungere la popolazione tagica, mentre i Protestanti sono visti con molto sospetto e percepiti come degli estremisti. Inoltre, il Tagikistan è prevalentemente musulmano, questo significa che i cristiani ex musulmani vengono esposti al pericolo dalle loro stesse famiglie e comunità, situazione che si aggiunge alla più ampia persecuzione da parte dello Stato monopartitico.

In che modo le donne sperimentano la persecuzione

Poiché il Tagikistan è una nazione prevalentemente musulmana, le donne cristiane ex musulmane sono particolarmente esposte all’intolleranza, alla pressione e alla persecuzione violenta. Se la loro conversione viene scoperta, le donne convertite corrono il rischio di essere rinchiuse, picchiate, rifiutate, molestate o costrette a sposare un musulmano. Se una donna ex musulmana era già sposata prima di diventare cristiana, probabilmente subirà maltrattamenti -anche fisici- dal marito che alla fine divorzierà.

In che modo gli uomini sperimentano la persecuzione

Come in altre parti dell’Asia centrale, gli uomini cristiani in Tagikistan svolgono normalmente ruoli di leadership all’interno della famiglia e delle chiese. Per questo motivo la pressione della polizia sugli uomini cristiani è maggiore rispetto a quella esercitata sulle donne. Gli agenti di polizia interrompono in modo imprevisto le riunioni di chiesa e interrogano i cristiani sul posto. Le autorità locali spesso infliggono multe ai cristiani a causa della loro fede e per ragioni legali come riunioni non autorizzate, possesso e stampa di materiale religioso senza permesso o quello che viene percepito come proselitismo. Le violazioni dei diritti da parte dello Stato includono: perquisizioni, arresti, interrogatori, confische, multe e reclusione. Quando sono detenuti dalla polizia, gli uomini cristiani subiscono abusi verbali e fisici, minacce, pestaggi e anche pressioni per diventare spie. Se un uomo è responsabile di chiesa, il trattamento ricevuto da parte delle autorità influenzerà la sua chiesa e accrescerà la paura. Gli uomini cristiani possono perdere il proprio lavoro a causa della comunità locale e subire pestaggi, minacce, abusi verbali e fisici, discriminazione, ostracismo e pressioni rivolte ai loro familiari.

La parola al pastore Bahrom, un responsabile di chiesa in Tagikistan

“All’inizio dell’anno scorso, la mia chiesa è stata attaccata e l’edificio è stato confiscato dal tribunale. La nostra chiesa adesso si riunisce all’interno di un container.”

Cosa è cambiato quest’anno

La pressione sui cristiani in Tagikistan è rimasta in gran parte la stessa di anno in anno, anche se il posto in classifica è sceso in modo significativo. Ciò è dovuto principalmente all’aumento dei punteggi della persecuzione in molti altri Paesi. La persecuzione continua a provenire da due attori principali: il regime totalitario che governa il Paese e le comunità a maggioranza musulmana che si oppongono a qualsiasi deviazione dall’islam.

Chi è più vulnerabile alla persecuzione

Qualsiasi cristiano in Tagikistan può essere a rischio a causa del sospetto diffuso del governo nei confronti dei credenti, ma i Protestanti sono più a rischio rispetto ad alcune denominazioni storiche. I cristiani ex musulmani sperimentano la pressione della famiglia, degli amici e della comunità, soprattutto nelle aree rurali: le città sono leggermente più sicure per i credenti che hanno lasciato l’islam.

In che modo Porte Aperte aiuta i cristiani in Tagikistan

Porte Aperte fornisce aiuto immediato ai credenti dell’Asia centrale quando sono incarcerati, esclusi dalle famiglie e dalle comunità, privati del sostentamento e del lavoro a causa della loro fede in Cristo. Porte Aperte rafforza la Chiesa perseguitata in Asia centrale anche attraverso iniziative come distribuzione di letteratura, formazione biblica e preparazione alla persecuzione.

Soggetti di preghiera

  • Pregate per i responsabili delle chiese come il pastore Bahrom, che è stato arrestato e al quale hanno confiscato il locale di culto. Molti leader cristiani in Tagikistan seguono Gesù correndo un rischio molto alto: il governo potrebbe colpire duramente il loro servizio in qualsiasi momento.
  • Pregate per il presidente Emomali Rahmon che governa il Tagikistan da quasi 30 anni. Chiedete a Dio di spezzare la durezza del suo cuore e che fargli comprendere la verità del Vangelo.
  • Pregate per i partner di Porte Aperte in Tagikistan e in tutta l’Asia centrale, affinché possano raggiungere e incoraggiare i credenti che rischiano tutto per adorare Gesù. Pregate per la loro protezione e perché il loro servizio porti frutti per portare la luce di Cristo nella regione.

GALLERY

01
02
03
04
05
06