Porte Aperte offre informazioni sulla persecuzione dei cristiani affidabili. In questa sezione ci prefiggiamo di smascherare fake news (bufale) che spesso girano su social, via email o whatsapp e qualsiasi altro canale comunicativo. Ci proponiamo come valido aiuto anche per i media primi interessati a non pubblicare informazioni non veritiere.

Di seguito alcune fake news o bufale che spesso circolano:

“Preghiamo per i 22 missionari che sono stati condannati a morte, una di loro è la sorella Cath missionaria della città e Januària-mg, che sarà uccisa domani da afgani islamici. Cercate di non tardare e passare questo messaggio molto rapidamente in modo che altre persone possano pregare”.

“Per piacere preghiamo per i 22 missionari cristiani, che sono già destinati a morte per domani mattina per mano degli islamici afgani. Fate girare questo messaggio il più presto possibile così molti potranno pregare per loro.”

“Pregate per la chiesa in India. 20 chiese sono state bruciate la scorsa notte. E stanotte vogliono distruggere più di 200 chiese nella provincia di Olisabang. Vogliono uccidere 200 missionari entro le prossime 24 ore. Tutti i cristiani stanno fuggendo dai villaggi…”

“Una notizia che sta scuotendo l’EGITTO Un musulmano egiziano ha ucciso la moglie perché lei stava leggendo la Bibbia e poi l’ha seppellita con il suo bambino nato da pochi giorni e una figlia di 8 anni. I bambini sono stati sepolti vivi! Ha poi detto alla polizia che uno zio aveva ucciso i bambini. Quindici giorni dopo, un altro membro della famiglia è morto. Quando sono andati a seppellirlo, hanno trovato due bambini sotto terra! Erano VIVI! Il paese è in stato di shock e l’uomo verrà processato… hanno chiesto alla bambina di 8 anni come era riuscita a sopravvivere per tanto tempo e lei ha detto: “Un uomo che indossava abiti luminosi e con delle ferite sanguinanti sulle sue mani, veniva ogni giorno per darci da mangiare. Egli svegliava sempre mia madre affinchè allattasse mia sorella”.
La bambina è stata intervistata in Egitto su una televisione nazionale da una giornalista che aveva il viso coperto. Ha detto sulla TV pubblica: “E ‘stato Gesù, che è venuto a prendersi cura di noi, perché nessun altro fa cose del genere!”…”

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA