Pacchi viveri per l’emergenza in Medio Oriente

40,00

Categoria:

Descrizione

Scegli di sostenere i nostri Centri di speranza, sono i punti nevralgici da cui partono i nostri aiuti maggiori in Medio Oriente: ricevono sfollati, distribuiscono alimenti, coperte, vestiti, aiuti di prima necessità e supportano in preghiera. Il pastore Abdalla, che molti di voi hanno conosciuto al nostro convegno di quest’anno, ha trasformato la sua chiesa in un Centro di speranza.

I nostri partner locali erano presenti in Medio Oriente prima e durante la lunga stagione di tumulti e guerre, portando speranza dove non sembrava essercene.ORA i recenti sviluppi fanno ripiombare la popolazione nell’oscurità e nella disperazione. Porte Aperte tramite i partner locali, i Centri di speranza, è al fianco dei cristiani in prima linea, distribuendo gli aiuti necessari.
Dona 40 euro per pacchi viveri e beni di prima necessità, sufficienti a una famiglia per sopravvivere un mese.

 

Nota: L’entità e la tipologia dei progetti cambiano tantissimo da regione a regione del mondo, ma anche in base alle condizioni sociali, politiche ed economiche della zona. Perciò procurare del cibo e dei beni di prima necessità in una particolare regione del Medio Oriente, per esempio, potrà costare molto di più dello stesso tipo di progetto realizzato in una regione asiatica (è solo un esempio generico). Molte sono le variabili che incidono sui costi: raggiungibilità, pericolosità, instabilità sociale, rete trasporti e stradale, supporto logistico, ecc. Quando le offerte per un progetto superano l’obiettivo prefissato, saranno destinate a progetti simili.