Brunei
Leader
Sultano e Primo Ministro Hassanal Bolkiah
Popolazione
445.000
Cristiani
52.000
Religione principale
Islam
Governo
Monarchia assoluta

Livello di persecuzione

Violenza
0.7
Vita di chiesa
13.5
Vita civile
10.9
Vita sociale
10.7
Vita famiglia
14.6
Vita privata
13.9

Brunei

Fonti di persecuzione (elencate in ordine di intensità):

  • Paranoia dittatoriale (molto forte)
  • oppressione islamica (molto forte)

Che aspetto ha la persecuzione in Brunei?

In Brunei, lasciare l’islam per un’altra religione è illegale, quindi i cristiani di origine musulmana che seguono Gesù incontrano una persecuzione significativa da fonti sia locali che nazionali. I convertiti possono essere ripudiati dalle loro famiglie e costretti a divorziare dal coniuge e a lasciare la casa familiare. Anche i cristiani ex musulmani sposati perdono la custodia dei loro figli.

Le comunità cristiane non tradizionali non possono essere registrate come chiese. Anzi, di solito devono essere registrate come enti, organizzazioni o centri familiari. Pertanto, sono trattate come entità aziendali secolari e sono tenute a presentare ogni anno al governo i loro rendiconti finanziari e operativi. Ogni livello della società in Brunei è influenzato dalla continua introduzione della legge islamica. La piena attuazione della Sharia, nel 2019, ha destato preoccupazioni internazionali per ciò che significherebbe per il Brunei. A distanza di un anno è ancora poco chiaro ciò che questo possa significare per i cristiani, anche se in generale sembra non essere stata attuata contro di loro.

In che modo le donne sperimentano la persecuzione?

A causa dell’implementazione delle leggi islamiche, le donne sono costrette a indossare l’hijab nelle scuole e nei luoghi di lavoro e sono punite dalle autorità religiose quando si rifiutano di farlo. Questo non si applica alle famiglie già cristiane ma ai convertiti. Le donne e le ragazze vengono solitamente ripudiate dalla famiglia quando la loro conversione diventa nota. La famiglia spesso le isola, vengono chiamati gli imam per far loro abiurare la nuova fede e, a volte, le loro famiglie le minacciano di matrimonio forzato con uomini musulmani. È probabile che alle cristiane di origine musulmana vengano sottratti i figli.

In che modo gli uomini sperimentano la persecuzione?

Gli uomini e i ragazzi vengono solitamente disconosciuti dalla famiglia al momento della loro conversione. Se sposati, sono costretti a divorziare e a lasciare la casa familiare.

La parola a “Elora”

“I credenti non sono disposti a correre rischi. I genitori scelgono di non mandare i propri figli neanche agli eventi pubblici della chiesa. Alcuni dei miei amici hanno persino detto che non vedono più un posto per sé stessi nella chiesa”.

Cosa è cambiato quest’anno?

La posizione del Brunei nella World Watch List del 2021 è inferiore di due posizioni rispetto a quella dello scorso anno. Eppure, la persecuzione in realtà è aumentata leggermente in questa piccola nazione. La pressione è aumentata nella maggior parte delle sfere della vita dei cristiani. Anche se la violenza palese rimane un rischio remoto per la maggior parte dei cristiani, molti di loro subiscono ogni giorno abusi e un’intensa discriminazione.

Chi è più vulnerabile alla persecuzione?

Poiché la nazione è piccola, non ci sono reali differenze geografiche o alcun tipo di divisione rurale/urbana per quanto riguarda la persecuzione. I cristiani di origine musulmana sono particolarmente presi di mira, soprattutto perché infrangono la legge. Possono vedersi negati i loro diritti e talvolta preferiscono andare all’estero piuttosto che vivere dove subiscono una pressione forte e costante.

In che modo Porte Aperte aiuta i cristiani in Brunei?

L’annuncio dell’attuazione della Sharia quale legge penale nel maggio del 2014 – e la sua piena attuazione nell’aprile 2019 – ha acuito le paure dei credenti. Porte Aperte sollecita il sostegno per i credenti in Brunei e per le chiese locali attraverso la preghiera, Essi subiscono una pressione crescente da parte del governo. Pregate anche per i dirigenti della chiesa che hanno un grande bisogno di materiale biblico, in particolare per affrontare le crescenti restrizioni religiose.

Soggetti di preghiera

I credenti del Brunei affrontano molte sfide nel vivere la loro fede per Cristo. Le numerose leggi islamiche nel paese hanno schiacciato la Chiesa per decenni, rendendola inefficace per il progresso del Regno di Dio. Pregate che Dio rompa questa morsa e liberi la Sua Chiesa affinché possa essere una benedizione per questa nazione. Pregate che Dio rafforzi la Chiesa nazionale, mentre l’islam continua a crescere.

Questa nazione sembra chiusa al Vangelo. Sono vigenti leggi per impedire a chiunque di raggiungere il popolo del Brunei con il messaggio di salvezza. Pregate che Dio apra le porte di questo paese in modo che molti giungano alla fede in Cristo, perché solo Lui può creare un tale miracolo.

Pregate anche per la chiesa del Brunei, affinché Dio la benedica e la usi per il Suo regno. Pregate affinché i pastori e i responsabili delle chiese possano avere saggezza, mentre identificano modi per incoraggiare i loro membri a essere fedeli a Dio, oltre ad essere sale e luce per la nazione.

GALLERY

Brunei Galleria 01
Brunei Galleria 02
Brunei Galleria 03
Brunei Galleria 04
Brunei Galleria 05
Brunei Galleria 06

NEWS Brunei