Un nostro collaboratore è recentemente andato ad incontrare alcuni cristiani nordcoreani in una zona della Cina dove i profughi trovano un rifugio insieme ad una testimonianza forte da parte dei cristiani locali.


“Ho messo via la mia macchina fotografica per guardare oltre le verdi colline, ignorando il rombo del motore della barca in cui mi trovavo. Finalmente ho trovato il coraggio di chiedere a Dio la domanda che è nella mente di tutti: Perché Dio? Perché hai abbandonato la Corea del Nord?


“So che Dio non ha abbandonato questa terra. Ho incontrato troppe persone che raccontano la sua opera di salvezza in Corea del Nord. Eppure la maggior parte dei nordcoreani vivono e muoiono sotto il dominio dei Kim e non hanno mai sentito parlare del Dio che li ha creati, se ne preoccupa, e se ne prende cura. Ho guardato il cielo e mi sono chiesto: Dove sei?


“Mai fare a Dio una domanda imprudente. Egli può rispedirtela indietro: Perché la Corea del Nord ha abbandonato me?


“Mi sono pentito per la mia domanda. Come posso incolpare Dio di aver dimenticato qualcuno quando noi uomini, per primi, ci siamo dimenticati di Lui? Gli ho chiesto perdono per me, per la mia nazione e per la Corea del Nord”.


“Mentre guidavamo lungo il confine nord-coreano, in una zona molto delicata della Cina, sembrava che non ci fossero posti di blocco presidiati dalla polizia. Eppure dovevamo stare molto attenti perché eravamo stati avvertiti dal fratello Simone (nome modificato per ragioni di sicurezza), coordinatore Porte Aperte per la Corea del Nord, che in questa regione ci sono decine di spie“.


Le storie ascoltate hanno fatto cambiare prospettiva al nostro collaboratore.


Come ho potuto dubitare? Dio salva la Corea del Nord chiamando singolarmente le persone e usa personaggi improbabili per la Sua opera: guardaboschi ignoranti che parlano del Vangelo, mariti violenti che si convertono, madri fisicamente deboli che danno la loro vita per Cristo. Dio usa anche le persone che viaggiano o che scrivono, così come le persone che leggono, pregano, e donano“.

Un nostro collaboratore ha recentemente visitato una zona della Cina dove trovano rifugio molte persone che scappano dalla Corea del Nord. Proprio in questo posto ha capito che Dio non ha abbandonato il popolo nordcoreano.