Iraq
Leader
Presidente Barham Salih
Popolazione
42.612.000
Cristiani
166.000
Religione principale
Islam
Governo
Repubblica Parlamentare Federale

Livello di persecuzione

Violenza
6.9
Vita di chiesa
13.9
Vita civile
14.8
Vita sociale
14
Vita famiglia
14.6
Vita privata
14

Iraq

Sceso di 3 posizioni rispetto alla World Watch List 2021.

Fonti di persecuzione

Che aspetto ha la persecuzione in Iraq

L’Iraq rimane afflitto dalla guerra -nonostante le recenti perdite territoriali del cosiddetto Stato Islamico (ISIS)- che continua a colpire gravemente la minoranza cristiana del Paese. Nel giugno del 2020, i villaggi cristiani sono stati bombardati in quella che è stata la più grande operazione turca nell’area dal 2015, costringendo molti cristiani a fuggire. Nel maggio 2021, i villaggi cristiani sono stati evacuati a seguito dei bombardamenti turchi nella regione. I cristiani non erano protetti dal governo locale. Molti cristiani sono anche gravemente colpiti dall’intolleranza e dalla persecuzione. Ciò è perpetuato principalmente da gruppi islamici militanti e da leader non cristiani. Inoltre, subiscono discriminazioni da parte delle autorità governative. Nell’Iraq centrale e meridionale, i cristiani spesso non espongono pubblicamente simboli cristiani (come le croci) poiché ciò potrebbe portare a molestie o discriminazioni ai posti di blocco, nelle università, nei luoghi di lavoro e negli edifici governativi. I credenti che manifestano la propria fede nella regione sono spesso diventati bersagli. Le leggi sulla blasfemia possono essere utilizzate contro i cristiani sospettati di svolgere attività di proselitismo tra i musulmani. I cristiani di origine musulmana subiscono maggiori pressioni da parte delle loro famiglie. Spesso mantengono segreta la loro fede, poiché rischiano di essere minacciati dai membri della famiglia, dai capi clan e dalla comunità locale. I convertiti rischiano di perdere i loro diritti ereditari e il diritto di sposarsi o i mezzi per poterlo fare.

In che modo le donne sperimentano la persecuzione

In alcune zone, le donne cristiane scelgono di indossare il velo (come fanno le donne musulmane) per la propria sicurezza. Per le donne cristiane, la situazione è aggravata dal fatto che vi è una generale impunità per gli oltraggi ai cristiani, che si tratti di furti, rapimenti, abusi sessuali o corruzione. Le donne convertite dall’islam sono particolarmente esposte agli abusi. Questi spesso provengono dall’ambiente familiare in senso più ampio e possono includere segregazione domestica, percosse, molestie sessuali, divorzio, stupro o persino morte. “Diverse ragazze sono state uccise” -spiega un esperto locale- “anche se queste notizie sono sempre ignorate dai mezzi d’informazione”. Inoltre, le donne convertite dall’islam non possono ufficialmente sposare uomini cristiani, poiché lo stato iracheno le considera ancora musulmane. Nelle scuole statali, le ragazze cristiane sono viste come più deboli e sono spesso ridicolizzate a causa della loro fede. Possono subire pressioni per convertirsi all’islam e la loro valutazione scolastica può risentirne nel caso in cui le ragazze contestino i valori che contraddicono la loro fede cristiana. Alcune hanno anche riferito di aver subito molestie sessuali a causa della percezione che le donne cristiane siano licenziose e libere, perché frequentano le feste e non indossano abiti islamici.

In che modo gli uomini sperimentano la persecuzione

Gli uomini cristiani, nell’Iraq centrale e meridionale, hanno subito pressioni perché lasciassero il lavoro. Nel nord i cristiani spesso faticano a trovare lavoro e sono esposti a sfruttamento sul posto di lavoro. Anche gli imprenditori cristiani subiscono discriminazioni. I convertiti ex musulmani sono particolarmente esposti alla persecuzione a causa della cultura dell'”onore-vergogna” presente nel paese. Rischiano di essere ripudiati dalle loro famiglie, minacciati o uccisi. Anche uomini di origine non musulmana rischiano di essere uccisi per la loro fede, per lo più per mano di estremisti islamici violenti. Questi fattori aumentano notevolmente la probabilità che gli uomini emigrino. Tale perdita non colpisce solo le loro famiglie dirette, ma priva anche le chiese locali di potenziali leader.

La parola a Matti

Matti, la cui carta d’identità dichiara che è musulmano nonostante sia cresciuto come cristiano: “Un giorno, quando morirò, morirò da cristiano”.

Cosa è cambiato quest’anno

I livelli di persecuzione in Iraq sono rimasti sostanzialmente gli stessi. Tuttavia, cosa incoraggiante, nell’ultimo anno c’è stato un calo sostanziale degli episodi di violenza segnalati. Nel frattempo, i politici iracheni hanno approvato un disegno di legge per rendere il giorno di Natale una festa nazionale ed è stato istituito un comitato per consentire ai cristiani sfollati durante l’insurrezione dell’ISIS di tornare alle proprie case (oltre l’80% è fuggito dal Paese nel 2003). Tuttavia, molti cristiani sono riluttanti a tornare nelle proprie case, poiché non ritengono ancora che l’ambiente sia favorevole per un ritorno sicuro e prospero.

Chi è più vulnerabile alla persecuzione

La maggior parte dei cristiani in Iraq vive nel nord del Paese, in Kurdistan. A Baghdad e Bassora sono rimasti pochi cristiani. La situazione è particolarmente difficile per i cristiani del sud e del centro del Paese. In queste zone i cristiani hanno lasciato la maggior parte delle province, a eccezione di piccoli gruppi di convertiti di origine musulmana.

In che modo Porta Aperte aiuta i cristiani in Iraq

Porte Aperte lavora per mezzo di partner locali per sostenere la Chiesa in Iraq tramite formazione biblica, cura dei traumi, distribuzione di Bibbie, progetti di sviluppo socioeconomico, aiuti umanitari e aiuto per ricostruire case e chiese nel nord dell’Iraq.

Soggetti di preghiera

Per favore pregate:

  • Per la pace e la stabilità affinché i cristiani sfollati possano tornare alle loro case.
  • Che il nuovo governo iracheno tuteli i diritti dei cristiani e delle altre minoranze religiose.
  • Per la protezione di tutti i credenti, pregate affinché ciascuno sia rafforzato e incoraggiato nella sua fede.

GALLERY

Iraq Galleria 01
Iraq Galleria 02
Iraq Galleria 03
Iraq Galleria 04
Iraq Galleria 05
Iraq Galleria 06