Da quando ha scoperto la verità su Gesù, Omar ha smesso di insegnare il Corano. Una decisione che gli ha causato seri problemi e lo ha diviso dalla sua famiglia.

Omar, un padre di 31 anni, era molto rispettato nel suo villaggio nell’estremo nord del Camerun: insegnava il Corano. Ma il 5 aprile scorso, ha ascoltato il messaggio del Vangelo e le sue vecchie convinzioni sono crollate. “Sono andato a casa. Conoscendo il Corano, ho deciso di leggere ciò che dice su Gesù. Sono giunto alla conclusione che Gesù è la Via“, ricorda Omar.

Il giorno successivo alla conversione, i suoi studenti lo hanno cercato per la consueta lezione coranica. Omar ha provato a indirizzarli ad un altro insegnante, ma loro hanno iniziato a piangere e si sono rifiutati di andare via. Questo ha attirato l’attenzione dei genitori dei ragazzi, che hanno voluto sapere cosa stesse succedendo. “Ho detto loro che avevo scoperto la verità su Gesù e che volevo seguirlo“. Questa affermazione però non è piaciuta a suo zio, che si è recato subito a casa di Omar. Mentre la folla cresceva, egli faceva pressione sul giovane uomo perché lasciasse la comunità.

Più tardi inoltre, approfittando dell’assenza di Omar che si era recato al mercato lo zio ha dato fuoco alla sua casa. Il giovane era molto provato e pronto a vendicarsi: “Ho comprato del carburante e ho preso il necessario per appiccare il fuoco alla sua casa. Ma qualcosa mi ha trattenuto. Ho chiamato un pastore cristiano. Mi ha consigliato di non rendere male per male“. Sempre su consiglio del pastore, Omar ha portato la sua famiglia nel villaggio di suo padre, un musulmano non praticante, mentre lui stesso ha cercato rifugio presso un altro pastore.

Un giorno, ho scoperto che mia moglie e i miei figli non c’erano più. Mio padre mi ha detto che non era il guardiano della mia famiglia e che io non ero più suo figlio“, ci ha raccontato Omar.

Attualmente, nel villaggio in cui Omar viveva è stata presa la decisione che chiunque lo trovi debba punirlo per aver lasciato l’islam. Sotto pressione, il cristiano ha deciso di trasferirsi di nuovo. “Ora che conosco la verità, ho deciso fermamente di seguire Gesù. Non voglio continuare nell’islam“, ci ha detto.

La situazione nel nord del Camerun, pur non apparendo il Paese nella WWL2018, è in via di peggioramento per i cristiani principalmente a causa dell’azione indisturbata di alcuni gruppi radicali islamici affiliati ai Boko Haram. Nel periodo preso in esame dalla WWL2018 circa 100 cristiani sono stati uccisi per la loro fede in questa nazione.