Periodo preso in esame:

1 novembre 2018
31 ottobre 2019

Posizione nella WWL:

WWL 2020
Punti: 87 / Posizione: 6
WWL 2019
Punti: 86 / Posizione: 7
WWL 2018
Punti: 86 / Posizione: 6

Dati Generali

Leader: Presidente Isayas Afewerki
Popolazione: 5.310.000
Cristiani: 2.492.000
Religione Principale: Islam 49%; Cristianesimo 49%
Governo: Repubblica presidenziale a partito unico

Fonti di persecuzione (elencate in ordine di intensità):

  • Protezionismo confessionale.
  • Paranoia dittatoriale.
  • Oppressione islamica .
  • Corruzione e criminalità organizzata.

Perché i cristiani sono perseguitati in Eritrea?

I cristiani che non appartengono a chiese approvate dallo Stato sono ritenuti agenti occidentali e una minaccia per il Paese. La pressione estrema nelle sfere comunitaria e nazionale indica che la politica del governo è la principale responsabile della pressione sui cristiani.

Il governo riconosce solo tre denominazioni cristiane, compresa la chiesa ortodossa eritrea, della quale nomina il patriarca. Qualsiasi gruppo cristiano, indipendentemente dalla denominazione, subirebbe gravi conseguenze se denunciasse la natura brutale dell’azione governativa. Anche la chiesa ortodossa eritrea ritiene che la crescita numerica degli evangelici nel Paese sia una minaccia.

Per quale motivo l’Eritrea ha cambiato posizione all’interno della WWList?

La posizione guadagnata nei confronti del 2019 è dovuta all’aumento della violenza di 1,5 punti.

Com’è la vita per i cristiani in Eritrea?

Centinaia di cristiani appartenenti alle chiese non registrate sono in prigione, alcuni da oltre dieci anni. Molti sono costretti a lavorare molte ore nel settore del commercio floreale e alcuni sono chiusi in container con temperature torride. Eyal (pseudonimo), un cristiano detenuto in Eritrea a causa della sua fede, ricorda: “Talvolta eravamo incatenati, in altri casi ci picchiavano con i bastoni”.
Nonostante ciò, anche nelle terribili prigioni eritree Dio è all’opera. Eyal afferma: “Dio ci ha aiutato. Abbiamo visto la sua mano, Egli era con noi. Abbiamo pregato, digiunato e anche annunciato il Vangelo agli altri. Molte persone hanno accettato Gesù Cristo”.

Citazioni

“I fratelli (di Porte Aperte) ci hanno aiutati più di chiunque altro. Ci hanno sostenuti materialmente in diversi modi, mentre eravamo in prigione, anche se non sono la nostra famiglia di sangue… Anche dopo la mia liberazione, hanno fatto molto per me e mi hanno amato. Il modo in cui mi hanno sostenuto è incredibile. Ho visto la mano del Signore attraverso i fratelli di luoghi diversi. Devo ringraziare Dio per loro e non potrò farlo mai abbastanza”.

Porte Aperte come aiuta i cristiani in Eritrea?

Porte Aperte collabora con i cristiani in Eritrea dagli anni 90 del XX secolo e desidera che la comunità cristiana locale sia forte nella fede e sempre più resistente, abbia la capacità di condividere il Vangelo con gli altri, abbia una più solida stabilità economica e sia in grado di rispondere biblicamente alla persecuzione. A tal fine:

  • sosteniamo diversi tipi di formazione biblica e discepolato.
  • promuoviamo la conoscenza e la preghiera.
  • assistiamo praticamente i cristiani perseguitati.
  • offriamo supporto spirituale e pratico per mitigare gli effetti della persecuzione.

Come pregare per la nazione

I cristiani continuano a pregare con fervore, assistono a conversioni e crescono numericamente. Molti hanno superato la paura dell’arresto. Ringraziate il Signore insieme a noi perché sostiene la sua Chiesa in Eritrea.

Molti cristiani si trovano in prigione a causa della propria fede. Pregate affinché il Signore li sostenga, rafforzi la loro fede e li incoraggi quotidianamente mediante il suo Spirito.

Fratello Andrea, fondatore di Porte Aperte, afferma:
“Le nostre preghiere possono andare dove noi non possiamo… Non ci sono confini, né muri di prigione, né porte che ci vengono chiuse quando preghiamo”.

UNA PREGHIERA PER L’ERITREA

Signore Gesù, poni fine alla sofferenza dei nostri fratelli e sorelle in Eritrea. Manifesta ora il tuo amore e la tua presenza a chi sta affrontando la violenza e l’oppressione. Rafforza e dona il coraggio alla tua Chiesa di proclamare il Vangelo alla nazione.