Indonesia: 4 cristiani assassinati – REPORTAGE

NELLA FOTO: Kandi mentre parla con la squadra di intervento rapido

Indonesia: 4 cristiani assassinati – REPORTAGE

In questo periodo, come in molte altre parti del mondo, in Indonesia è molto complicato spostarsi a causa delle restrizioni imposte dalla situazione sanitaria. Nonostante questo, i nostri partner locali sono riusciti a raggiungere il piccolo villaggio di Lembantongoa, nell’isola di Sulawesi, per incontrare le famiglie dei 4 cristiani brutalmente assassinati il 27 novembre scorso.

Ascoltare e confortare i sopravvissuti

“Ho visto tristezza nei loro occhi. Tuttavia, quando siamo arrivati, la gente ha sorriso”, ha riferito uno dei nostri partner intervenuti.

“Erano circa le 8:00 quando 8-10 uomini con coltelli e pistole sono entrati nel villaggio. Dopo aver identificato i 4 cristiani, li hanno uccisi. A 3 di loro è stata tagliata la gola o addirittura decapitata, mentre il quarto è stato bruciato vivo in casa. Altri 6 edifici, tra cui la chiesa e la struttura dell’Esercito della Salvezza, hanno preso fuoco”, hanno raccontato i sopravvissuti.

Gli aggressori, appartenenti al gruppo terroristico dei Mujahidin dell’Indonesia orientale (MIT), sono ancora in libertà.

I nostri partner locali hanno speso tempo in preghiera con le famiglie delle vittime e con la piccola comunità cristiana locale.

La squadra ha dedicato particolare attenzione a Kandi, donna cristiana che ha perso il marito e il padre nell’attacco. Una donna con il volto vuoto, ancora sotto shock dopo aver assistito a quegli attimi di feroce violenza.

“Sono corsa via con i miei figli. Il più piccolo lo tenevo stretto al mio fianco. Abbiamo corso lungo il fiume, poi ci siamo arrampicati su una parete rocciosa fino a raggiungere la strada”, ha raccontato Kandi.

Presenti per portare conforto

Le squadre di intervento rapido di Porte Aperte/Open Doors, formate da partner locali pronti a muoversi tempestivamente in caso di bisogno, hanno il delicato compito di raggiungere e sostenere chi subisce gli effetti di una persecuzione violenta.

Brian Peddle, responsabile del movimento evangelico Esercito della Salvezza, ha invitato i cristiani a “pregare per le famiglie di tutti coloro che sono stati colpiti dalla tragedia, credendo che, quando la pace troverà il suo posto, il male sarà sconfitto”.

Guarda il reportage

Indonesia
Leader
Presidente Joko Widodo
Popolazione
272.223.000
Cristiani
33.192.000
Religione principale
Islam
Governo
Repubblica presidenziale

Livello di persecuzione

Violenza
7.8
Vita di chiesa
9.3
Vita civile
10.7
Vita sociale
12.4
Vita famiglia
11.4
Vita privata
11.5