Il 2014 è stato un anno difficile per i cristiani in Iraq. Dopo la violenta conquista di Mosul e della zona circostante da parte dell’ISIS, migliaia di cristiani hanno abbandonato le loro case. Attraverso i partner locali, Porte Aperte ha risposto nelle 12 ore successive al primo esodo da Mosul, fornendo loro aiuti. “C’erano molte persone per strada, anche nel bel mezzo della notte. I miei figli hanno visto cadaveri e alcune case erano incendiate dalle bombe. Eravamo così impauriti!“, afferma un profugo di Mosul sugli avvenimenti del 9 giugno 2014.


A causa delle atrocità commesse dall’ISIS (o IS), un numero stimato di 120.000 cristiani sono fuggiti insieme a componenti di altre minoranze. Per la prima volta in 1600 anni non sono stati celebrati culti a Mosul. I terroristi hanno distrutto chiese e altri luoghi cristiani. Profughi interni hanno seguito gli eventi dai campi profughi con il dolore nel cuore.


Quella stessa estate, milioni di cristiani in tutto il mondo hanno mostrato la loro solidarietà verso i cristiani in Iraq. Questo ha offerto a Porte Aperte la possibilità di estendere il lavoro di soccorso. 80.000 sfollati sono stati aiutati con generi di prima necessità (cibo, acqua, medicine, prodotti per l’igiene e materassi). In 2 campi abbiamo creato uno spazio per bambini, per giocare e ascoltare storie della Bibbia.


L’inverno ha causato molti problemi. Abbiamo fornito a molte famiglie ciò che era necessario per proteggersi dal freddo: coperte, stufe e vestiti caldi. Intanto una formazione specifica per la cura dei traumi preparava persone a supportare le vittime delle orribili violenze.


Oggi, mesi dopo l’inizio della crisi, la situazione degli sfollati interni nel Nord Iraq rimane critica. Molti vivono ancora in abitazioni improvvisate (edifici in costruzione, centri commerciali vuoti, complessi di uffici o alberghi), mentre altri vivono stipati nelle chiese.


Nel 2015 Porte Aperte continuerà a stare accanto ai cristiani in Iraq, sostenendoli attraverso i partner locali e le chiese. La distribuzione delle forniture di base continuerà e verranno avviati progetti di riabilitazione, come aiuto alla ricerca di un lavoro o creazione di piccole imprese. Le chiese saranno sostenute per rafforzare la fede dei cristiani (distribuzione Bibbie, attività per bambini e giovani, corsi di formazione sulla cura dei traumi, ecc.).


Molti sfollati temono di non tornare più nelle loro case e vogliono emigrare. Ma se l’ISIS abbandonasse alcune aree, alcuni cristiani sono pronti a tornare e Porte Aperte è pronta a sostenerli.

Il 2014 è stato un anno difficile per i cristiani in Iraq. Porte Aperte ha risposto nelle 12 ore successive al primo esodo da Mosul, fornendo aiuti. 80.000 sfollati sono stati aiutati con generi di prima necessità. Per la prima volta in 1600 anni non sono stati celebrati culti in questa città. Nel 2015 continuerà la nostra attività di sostegno ai cristiani iracheni.