Periodo preso in esame:

1 novembre 2017
31 ottobre 2018

Posizione nella WWL:

WWL 2019
Punti: 70 / Posizione: 21
WWL 2018
Punti: 61 / Posizione: 35
WWL 2017
Punti: 58 / Posizione: 34

Dati Generali

Leader: Faustin-Archange Touadéra
Popolazione: 4.700.000
Cristiani: 3.500.000
Religione Principle: Cristianesimo
Governo: Repubblica semipresidenziale

Quali sono le cause di persecuzione prevalenti? 

  • Oppressione islamica: La coalizione armata Séléka ottiene la maggior parte del suo sostegno dalle tribù musulmane del nord, dove la popolazione è stata influenzata a opporsi ai cristiani. La milizia Séléka si è divisa in diverse fazioni; la maggior parte dei combattenti sono musulmani e attaccano regolarmente chiese e abitazioni di cristiani. Sebbene il gruppo ribelle Séléka sostenga di combattere a causa dell’ingiusto trattamento dei musulmani da parte del governo, i gruppi tribali animisti meridionali e i cristiani sostengono che sta operando per aumentare la dominazione musulmana e sta tentando di istituire un governo sotto la “casa dell’Islam”. C’è anche la minaccia di attacchi da parte di altri gruppi militanti islamici che operano nella regione. 
  • Corruzione e crimine organizzato: I gruppi “Antibalaka” sono gruppi armati nati per proteggere i civili (animisti e cristiani) dalla violenza dei Séléka. All’inizio sostenevano di proteggere i cristiani, ma la Chiesa si è allontanata con fermezza da loro. Come risultato ci sono state molte segnalazioni di attacchi alle chiese istigati dalle milizie Anti-Balaka. Nel corso del tempo, queste milizie si sono effettivamente trasformate in bande criminali, in particolare nella capitale Bangui. La mancanza di stabilità e la natura geografica del Paese (con una fitta foresta per nascondersi) si sono rivelate ideali per operazioni criminali. 


Chi provoca la persecuzione? 

I cristiani sono stati attaccati e minacciati sia da militanti Séléka sia da militanti Antibalaka. Mentre il gruppo Séléka attacca i cristiani per ottenere influenza e sostegno dalla comunità musulmana e per islamizzare la popolazione attraverso la violenza, i gruppi Antibalaka attaccano le chiese che si rifiutano di sostenerli. Chiese e dirigenti ecclesiastici sono stati gli obiettivi principali. In un caso nel novembre 2018 (al di fuori del periodo di riferimento della WWL 2019), un attacco di un gruppo, in passato alleato dei Séléka, chiamato UPC (Unité pour la Paix en Centrafrique) ha provocato la morte di 40 cristiani. Inoltre, i convertiti al cristianesimo devono far fronte alle pressioni della famiglia e della comunità. 

Quali conseguenze produce dei cristiani? 

I leader cristiani che hanno denunciato pubblicamente la violenza sono stati minacciati e gli edifici ecclesiastici sono stati bruciati e saccheggiati. Il conflitto ha provocato lo sfollamento di migliaia di cristiani che sono stati costretti a vivere nei campi profughi e a perdere la casa e i mezzi di sussistenza. Oltre all’insicurezza e alla violenza di cui soffrono tutti i cristiani, i convertiti al cristianesimo devono anche affrontare le persecuzioni che provengono dai loro familiari più prossimi. La comunità locale spesso ostracizza i cristiani convertiti e può anche cercare di costringerli a rinunciare al cristianesimo con la violenza. 

Come Porte Aperte aiuta la Chiesa nella Repubblica Centrafricana?

Porte Aperte/Open Doors aiuta la Chiesa nella Repubblica Centrafricana già da qualche anno, in particolare dal 2013 i nostri programmi hanno supportato la Chiesa nella crisi seguita al colpo di stato del marzo 2013 per mano del gruppo islamico Séléka. Abbiamo operato per sensibilizzare in merito alle problematiche della Chiesa nel paese, e l’abbiamo assistita affinché i cristiani vittime di attacchi violenti potessero provare sollievo emotivo e fisico. Rafforziamo la Chiesa nelle seguenti aree:

  • Preparazione alla persecuzione
  • Discepolato
  • Progetti Socio Economici
  • Cura dei traumi e riabilitazione sociale

Come il corpo di Cristo può pregare per la Repubblica Centrafricana?

  • Pregate per gli allevatori musulmani Fulani e i terroristi musulmani che prendono di mira i cristiani. Pregate affinché i loro occhi si aprano alla verità del Vangelo.
  • Pregate affinché i cristiani possano conoscere la fedeltà e la pace di Dio in mezzo alla persecuzione e al disordine. Pregate per quanti hanno rinunciato ai loro beni e diritti per seguire Cristo.
  • Pregate per i pastori che hanno la responsabilità di insegnare e confortare i membri delle loro chiese mentre vivono grandi disagi. Pregate affinché essi siano confortati e resi in grado di confortare altri.