Periodo preso in esame:

1 novembre 2016
31 ottobre 2017

Posizione nella WWL:

WWL 2018
Punti: 61 / Posizione: 35
WWL 2017
Punti: 58 / Posizione: 34
WWL 2016
Punti: 59 / Posizione: 26

Dati Generali

Leader: Faustin-Archange Touadéra
Popolazione: 5.099.000
Cristiani: 3.772.000
Religione Principle: Cristianesimo
Governo: Repubblica semipresidenziale

Da dove viene la persecuzione

Anche se la Repubblica Centrafricana è una nazione popolata maggiormente da cristiani, nel paese è presente una significativa minoranza di musulmani, concentrata particolarmente nella zona nord orientale. Dal 2013 la Repubblica Centrafricana è teatro di una guerra civile. Una delle fazioni più agguerrite è quella del gruppo militante Seleka, che ha reclutato i musulmani mobilitandoli dalla zona del paese in cui vivevano, zona storicamente emarginata. Una conseguenza di questo conflitto, che ha contrapposto i Seleka agli anti-Balaka (un gruppo militante composto da animisti e da cristiani nominali), è stata la persecuzione deI cristiani. I cristiani sono vittime di attacchi e minacce, principalmente perpetuati dai Seleka ma anche dagli anti-Balaka. I bersagli principali degli attachi sono i pastori e le chiese. Nelle zone abitate in maggioranza da musulmani, i cristiani ex-musulmani hanno subito pressioni da parte delle loro famiglie e delle loro comunità a causa della loro fede in Cristo. Il conflitto e l’instabilità nel paese, rendono i credenti particolarmente esposti alla persecuzione e alla violenza.

Qual è l’impatto sui cristiani?

I cristiani, nella Repubblica Centrafricana, subiscono violenze e atrocità da parte di gruppi militanti che hanno ucciso, ferito e costretto alla fuga molti cristiani. A causa di questa situazione nel paese, per i cristiani è diventato ancora più difficile adorare Dio in libertà, perchè i pastori e le chiese sono bersagliati e violentemente attaccati. I leader cristiani che hanno denunciato le violenze sono stati minacciati e le chiese sono state incendiate e saccheggiate. Il conflitto ha portato migliaia di cristiani a fuggire, costretti a rinunciare alle proprie case e ai propri mezzi di sostentamento, vivendo da profughi negli accampamenti. Tutti i cristiani soffrono per la mancanza di sicurezza e per la violenza; oltre a ciò, i cristiani ex-musulmani affrontano anche la persecuzione che proviene dai membri delle loro stesse famiglie. La comunità locale spesso ostacola i convertiti al cristianesimo e non è raro che li costringa, con la violenza, a rinunciare alla loro fede cristiana.

Esempi

  • Il 7 Febbraio 2017, il pastore Jean-Paul Sankagui dell’Eglise du Christ en Centrafrique (ECC – Chiesa di Cristo della Repubblica Centrafricana) è stato ucciso da alcuni militanti e la sua chiesa, nella capitale, Bangui, è stata demolita. L’attacco è avvenuto nel quartiere PK5 (teatro della maggior parte dei conflitti nella città).
  • Il 3 Settembre 2017, un uomo armato ex-Seleka ha rapito un prete cattolico romano nella città nord-occidentale di Ndim. Padre Robert Wieczorek è stato rilasciato dopo aver subito torture.1
  • Il 1 Settembre 2017, un uomo armato ha attraversato il confine col Sudan, ha attaccato la città di Zemio e ha saccheggiato la chiesa cattolica del posto. L’attacco ha costretto migliaia di persone ad abbandonare le proprie case.

Come Porte Aperte aiuta la Chiesa nella Repubblica Centrafricana

Porte Aperte/Open Doors aiuta la Chiesa nella Repubblica Centrafricana già da qualche anno, in particolare dal 2013 i nostri programmi hanno supportato la Chiesa nella crisi seguita al colpo di stato del marzo 2013 per mano del gruppo islamico Seleka. Abbiamo operato per sensibilizzare in merito alle problematiche della Chiesa nel paese, e l’abbiamo assistita affinché i cristiani vittime di attacchi violenti potessero provare sollievo emotivo e fisico. Rafforziamo la Chiesa nelle seguenti aree:

  • Preparazione alla persecuzione
  • Discepolato
  • Progetti Socio Economici
  • Cura dei traumi e riabilitazione sociale

Come il corpo di Cristo può pregare per la Repubblica Centrafricana

  • Pregate per gli allevatori musulmani Fulani e i terroristi musulmani che prendono di mira i cristiani. Pregate affinché i loro occhi si aprano alla verità del Vangelo.
  • Pregate affinché i cristiani possano conoscere la fedeltà e la pace di Dio in mezzo alla persecuzione e al disordine. Pregate per quanti hanno rinunciato ai loro beni e diritti per seguire Cristo.
  • Pregate per i pastori che hanno la responsabilità di insegnare e confortare i membri delle loro chiese mentre vivono grandi disagi. Pregate affinché essi siano confortati e resi in grado di confortare altri.