Periodo preso in esame:

1 novembre 2018
31 ottobre 2019

Posizione nela WWL:

WWL 2020
Punti: 79 / Posizione: 13
WWL 2019
Punti: 77 / Posizione: 15
WWL 2018
Punti: 79 / Posizione: 12

Dati Generali

Leader: Re e primo ministro Salman bin Abd al-Aziz Al Saud
Popolazione: 34.141.000
Cristiani: 1.419.000 (stima di Porte Aperte)
Religione Principale: Islam
Governo: Monarchia assoluta

Fonti di persecuzione (elencate in ordine di intensità):

  • Oppressione islamica
  • Antagonismo etnico
  • Paranoia dittatoriale

Perché i cristiani sono perseguitati in Arabia Saudita?

L’Arabia Saudita è una nazione fortemente islamica; secondo la tradizione islamica, è il luogo di nascita e il luogo del riposo finale di Maometto, il profeta dell’islam. Il sistema legale è basato sulla legge islamica, conosciuta come Sharia. E’ proibito praticare apertamente una fede diversa dall’islam. Lasciare l’islam è punibile con la morte.

Per quale motivo l’ Arabia Saudita ha cambiato posizione nella WWL?

Il punteggio totale è salito di 2 punti rispetto alla WWL del 2019. La pressione è aumentata in 5 delle 6 sfere di vita. Il punteggio relativo alla violenza è rimasto invariato.

Com’è la vita per i cristiani in Arabia Saudita?

I credenti sauditi devono tenere la propria fede completamente nascosta. I cristiani espatriati rischiano l’arresto o di essere espulsi se condividono la propria fede con i musulmani

Alcuni sauditi hanno avuto sogni e visioni di Gesù. Molti altri hanno risposto a contenuti cristiani alla TV oppure su internet; Nawal (pseudonimo) è una di loro. Ella inizialmente sentì della fede cristiana online e venne in contatto con altri cristiani tramite una rete supportata da Porte Aperte. Le fu inviato del materiale di discepolato e guidata attraverso la lettura della Bibbia. Gradualmente, Nawal sentì il Signore parlarle, ed un giorno diede la sua vita a Gesù.

Nawal tiene la sua fede completamente nascosta. I credenti come lei rischiano di essere picchiati o anche uccisi dai propri familiari a causa della propria fede. Eppure, i credenti sauditi stanno diventando più audaci nel condividere il Vangelo con altri.

Porte Aperte, come aiuta i cristiani in Arabia Saudita?

Porte Aperte supporta il corpo di Cristo nella Penisola Araba organizzando preghiere, distribuendo risorse riguardo alla bibbia e formando credenti e pastori. Informazioni dettagliate su questi programmi non sono pubbliche, al fine di tutelare le persone coinvolte.

Come pregare per la nazione

Pregate per i credenti isolati in tutta l’Arabia Saudita, a cui manca la comunione fraterna e una comunità, e che spesso hanno a che fare con un’enorme pressione dalla società e dalla famiglia al fine di rinnegare la propria fede, o con la paura che la loro fede possa essere scoperta. Hanno bisogno di una comunità, di discepolato e di un senso di appartenenza.

Pregate affinchè i cristiani sauditi trovino modo di condividere la verità con la propria famiglia, e pregate per i familiari, che possano cercare la verità e non rispondere con rabbia.

L’Arabia Saudita è la patria del Wahhabismo, una rigida e purista scuola teologica islamica. E’ vietato praticare apertamente altre religioni. La conversione è punibile con la morte. Per favore pregate che i musulmani sauditi possano conoscere Gesù.