Quando ero più giovane, lavoravo come insegnante di scuola elementare. Ma la mia vita è cambiata totalmente quando, nel 1984, ho conosciuto Gesù“, ci ha raccontato il Pastore Faruk, un 61enne credente ex musulmano. A seguito della conversione, è stata una scelta radicale lasciare il lavoro per iniziare un ministero a tempo pieno e, dopo dieci anni, iniziare l’impresa solitaria di predicare il Vangelo nel distretto di Kurigram, nel nord del Bangladesh. “Habib è stata la prima persona che ha ricevuto Gesù attraverso il mio servizio“, ha continuato.


Il rapporto tra i due uomini si è approfondito e Habib è stato catturato dallo zelo del Pastore Faruk nell’evangelizzare, così lo ha aiutato come assistente. Il suo assassinio a marzo di quest’anno, da parte dello Stato Islamico (IS), ha profondamente addolorato il Pastore e la sua comunità.


Questo gruppo di cristiani proviene in gran parte da un background musulmano ed è il risultato del lavoro del Pastore Faruk. Quando ha iniziato il suo ministero in Kurigram, si conosceva una sola famiglia cristiana tradizionale e una famiglia di ex musulmani. Ora ci sono quasi 1.500 cristiani che rendono gloria Dio. Ma, più il numero cresce, più è probabile che venga raggiunto dai pericoli. Infatti, la situazione del Bangladesh sta continuando a peggiorare.


Nel Paese, l’anno scorso, ci sono stati una serie di attacchi contro i cristiani e contro gli stranieri, effettuati da gruppi terroristici locali e affiliati all’IS. Da novembre 2015, decine di Pastori e leader cristiani hanno ricevuto minacce di morte in forma di lettere e messaggi anonimi. Le minacce si sono tramutate in realtà con l’aggressione di un Pastore e due predicatori MBB, tra cui Habib, pugnalati a morte.


Ma anche di fronte al crescente pericolo e alla tragica perdita di un collega, la fede del Pastore Faruk rimane incrollabile: “La persecuzione aumenterà, ma io e i fratelli siamo pronti ad affrontarla. In realtà, tutti i credenti si stanno preparando a soffrire per Cristo“. Uno dei membri della sua comunità ha affermato: “Sono pronto a morire per Cristo come Egli è morto per me“.


Per incoraggiare ulteriormente i credenti nel nord del Bangladesh, Porte Aperte ha tenuto un seminario di formazione SSTS (Resistere nella tempesta) in aprile che ha visto la partecipazione di 39 partecipanti MBB, tra cui il pastore Faruk. “Grazie a questa formazione, siamo stati rafforzati per sopportare la persecuzione. Siamo grati per la comunione, gli insegnamenti, la preghiera e il conforto che ci ha portato“, ha detto. “Credo che il martirio di Habib non sarà vano. Invece, porterà rinascita nel nord del Bangladesh. Molti verranno a Signore e ogni ginocchio si piegherà davanti a Lui“.


(* nomi modificati per ragioni di sicurezza)

Quando il Pastore Faruk* ha appreso del brutale assassinio di Habib *, quasi non riusciva a credere alle sue orecchie. Sapeva che il Bangladesh stava diventando sempre meno sicuro, ma non immaginava che un simile destino sarebbe capitato a qualcuno di così vicino a lui.