Uzbekistan: rilasciato Tohar Haydarov

Immagine di repertorio

Uzbekistan: rilasciato Tohar Haydarov

Fonti locali hanno confermato a Porte Aperte il rilascio del prigioniero cristiano Tohar Haydarov nella seconda settimana di novembre, dopo quasi 7 anni di reclusione. Le autorità uzbeche non hanno comunicato la decisione ai suoi familiari e così nessuno era presente fuori dal carcere ad attenderlo il giorno della sua liberazione. La libertà è stata concessa ad Haydarov per buona condotta.

Dio ha ascoltato le preghiere di molti cristiani“, hanno dichiarato i fratelli uzbeki. “Siamo grati a tutti coloro che hanno pregato per lui e gli hanno inviato lettere mentre era in prigione“. Haydarov ha ricevuto un ammonimento a “non creare difficoltà dopo il suo rilascio“.

Il giovane cristiano battista è stato arrestato a marzo del 2010 e condannato a 10 anni di reclusione con l’accusa di possesso di droga. Tutti i cristiani che lo conoscono però sono convinti che sia stato punito per le sue attività religiose. Nel corso delle indagini, probabilmente, è stato picchiato e costretto a firmare alcune confessioni.

Il rilascio di Haydarov sorprende perché nel Maggio del 2016 gli era stata negata l’amnistia, accordata invece a molti altri prigionieri. “Siamo molto grati che a Tohar sia stata concessa la libertà“, dice un portavoce di Porte Aperte. “Abbiamo pregato per lui per anni e dobbiamo continuare a farlo. Dopo aver passato più di 6 anni in circostanze così difficili ha bisogno di cure per ristabilirsi e ricostruire il rapporto con i suoi cari. Sappiamo da altri ex-prigionieri che il processo può essere difficile“.

L’Uzbekistan è al 15° posto nella WWList 2016 di Porte Aperte a causa di una delle dittature più dure dell’Asia centrale. Il regime farà tutto il possibile per mantenere il potere. Il cristianesimo è considerato un fattore destabilizzante. I cristiani ex-musulmani (MBB) subiscono un’ulteriore pressione da parte delle famiglie. Il precedente presidente Islam Karimov ha governato il Paese con pugno di ferro. E’ morto il 2 settembre 2016 (ufficialmente, ma probabilmente qualche giorno prima) ed è stato sostituito, ad interim, da Shavkat Mirziyoyev. Sono previste le elezioni presidenziali il 4 dicembre 2016.

Nella foto: Tohar Haydarov (per gentile concessione del Consiglio Internazionale delle Chiese Cristiane Evangeliche e Battiste)

La polizia uzbeca ha rilasciato il prigioniero cristiano Tohar Haydarov (33 anni) dopo 6 anni e 10 mesi (era stato condannato a 10 anni di reclusione). Il suo rilascio è avvenuto del tutto inaspettatamente.

Uzbekistan
Leader
Presidente Shavkat Mirziyoyev
Popolazione
33.649.000
Cristiani
347.000
Religione principale
Islam
Governo
Repubblica Presidenziale (altamente autoritaria)

Livello di persecuzione

Violenza
1.7
Vita di chiesa
15.6
Vita civile
11.8
Vita sociale
14.1
Vita famiglia
12.7
Vita privata
14.9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *