Repubblica Centrafricana
Leader
Presidente Faustin-Archange Touadera
Popolazione
4.826.000
Cristiani
3.599.000
Religione principale
Cristianesimo
Governo
Repubblica presidenziale

Livello di persecuzione

Violenza
15.6
Vita di chiesa
10.2
Vita civile
9.8
Vita sociale
13.1
Vita famiglia
9.1
Vita privata
10.1

Repubblica Centrafricana

Il conflitto ha provocato lo sfollamento di migliaia di cristiani che sono stati costretti a vivere nei campi e hanno perso la casa e i mezzi di sussistenza. In molti di quei frangenti sono stati attaccati in quanto cristiani.

Fonti di persecuzione (elencate in ordine di intensità):

  • Corruzione e crimine organizzato.
  • Oppressione islamica.
  • Antagonismo etnico.

Perché i cristiani sono perseguitati in Repubblica Centrafricana?

La Repubblica Centrafricana è stata coinvolta in un conflitto iniziato nel 2013 e la maggior parte del paese è occupata da gruppi della milizia armata, responsabili di una serie di violazioni dei diritti umani. I leader cristiani che hanno denunciato pubblicamente la violenza sono stati minacciati e gli edifici delle chiese sono stati bruciati e saccheggiati.

Per quale motivo la Repubblica Centrafricana ha cambiato posizione, all’interno della WWList?

C’è stato un calo in due punti. C’è stato un piccolo calo sia relativamente alla pressione che alla violenza. Anche i militanti che avevano preso di mira i cristiani hanno iniziato a combattere tra loro e questo ha spostato in una certa misura il focus di quei gruppi. Allo stesso tempo, coloro che prendono di mira i cristiani hanno un territorio limitato sotto il loro controllo.

Com’è la vita per i cristiani nella Repubblica Centrafricana?

Il conflitto ha provocato lo sfollamento di migliaia di cristiani che sono stati costretti a vivere nei campi e hanno perso la casa e i mezzi di sussistenza. In molti di quei frangenti sono stati attaccati in quanto cristiani.

Nonostante le violenze in atto nella Repubblica Centrafricana, molti cristiani continuano coraggiosamente a prestare servizio nelle loro comunità. Il marito di Veronique, il pastore Tokono, è stato ucciso quando un un gruppo di ex-Seleka ha attaccato la città di Gambo, nella Repubblica Centrafricana orientale. Veronique e i suoi figli avevano lasciato Gambo pochi giorni prima dell’attacco, perché la situazione era diventata molto tesa. Quando un operatore di Porte Aperte ha fatto visita a Veronique, ella gli ha detto: “Continuerò a lavorare per il Signore anche in assenza di mio marito, esattamente come ho fatto mentre era vivo. Prego che Dio onnipotente perdoni gli aggressori, perché non sanno cosa stanno facendo. E anche che impedisca loro di continuare ad agire in quel modo malvagio”.

Citazioni

Il cinquantenne pastore Zoundji (pseudonimo) si prende cura di una congregazione evangelica di circa 200 persone, nel più grande campo di sfollati interni della Repubblica Centrafricana. Il sito si trova in una città chiamata Bria, nel mezzo della Repubblica Centrafricana e ospita circa 30.000 persone, la maggior parte delle quali cristiane.

“Ci troviamo tra l’incudine e il martello”, ha detto Zoundji ai collaboratori di Porte Aperte. All’interno del campo le persone fanno fatica a nutrirsi, a tenersi puliti e a vivere una vita produttiva. Fuori dal campo diversi gruppi combattono per il territorio. Mentre né i musulmani né i gruppi ribelli animisti vogliono che i cristiani diffondano lì il Vangelo. Zoundji si sente chiamato a predicare il Vangelo a qualsiasi costo. I vostri consigli ci hanno aiutato molto quando è arrivata la crisi a Bria. Abbiamo tratto forza dagli insegnamenti e abbiamo chiesto l’aiuto di Dio per prepararci ai momenti critici”.

“È solo per grazia di Dio che sono qui oggi, e non per la mia forza. Ringrazio Dio per avermi protetto e sostenuto. È stato molto difficile, ma siamo qui. Andremo avanti, sapendo che solo Dio può proteggerci. E anche se la morte dovesse arrivare, morirò diffondendo la Parola di Dio”.

Porte Aperte, come aiuta i cristiani nella Repubblica Centrafricana?

Porte Aperte, nella Repubblica Centrafricana, è stata coinvolta attraverso la Chiesa locale per diversi anni. Dal 2013 i nostri programmi sono stati orientati al sostegno ai cristiani in crisi a seguito del colpo di stato del marzo 2013 da parte della coalizione di stampo islamista Seleka. La nostra visione per la Repubblica Centrafricana è quella di una Chiesa che risponda biblicamente alla persecuzione e condivida il Vangelo con i non credenti, i cui i membri siano sistematicamente discepolati e abbiano una visione biblica del mondo, relativamente agli aspetti economici, e alle opportunità di sostentamento, mentre i credenti traumatizzati ricevono le cure adeguate per vivere una vita produttiva. I nostri programmi includono:

  • Preparazione alla persecuzione.
  • Potenziamento del discepolato.
  • Responsabilizzazione economica.
  • Cura dei traumi e riabilitazione sociale.

Come pregare per la nazione

Pregate per le molte migliaia di persone, la maggior parte di loro cristiani che sopravvivono nei campi per sfollati, in quanto non sono ancora state ripristinate le necessarie condizioni di sicurezza. Pregate affinchè il Signore operi attraverso lo Spirito Santo e che le attuali contingenze rappresentino una strada che permetta loro di conoscere Cristo ancora più intimamente.

Vi è stata una leggera diminuzione degli episodi di violenza segnalati, ma la Repubblica Centrafricana non è ancora fuori pericolo. “Se la situazione a Bangui, la capitale, è abbastanza pacifica, in molti luoghi del nord e dell’est, come Bria, non si è ancora ritornati a una condizione di pace. Pregate affinché la pace torni in tutta la Repubblica Centrafricana e che lo Stato e la comunità ci permettano di predicare la Parola di Dio”.

Il morale dei leader cristiani nel nord e nell’est è molto basso. Hanno perso tutti i loro documenti e il materiale di studio e hanno difficoltà a preparare i sermoni. Pregate affinché la loro dotazione di libri aumenti sufficientemente, e anche perché siano rinforzati nello Spirito e in grado di confortare gli altri, perché essi stessi hanno ricevuto conforto dal Signore.

Pregate perché i governanti abbiano la saggezza e le necessarie qualità amministrative mentre, con il sostegno di MINUSCA (Missione di Stabilizzazione Integrata Multidimensionale delle Nazioni Unite nella Repubblica Centrafricana) operino per ripristinare l’autorità del governo e creare una via per la pace. Mentre vi è un profondo apprezzamento per il lavoro di alcuni contingenti militari, ufficiali di alcuni paesi musulmani vengono accusati di schierarsi con i musulmani. Pregate per il lavoro di Porte Aperte nel paese.

Pregate per la nostra continua protezione e la nostra saggezza mentre cerchiamo di alleviare la sofferenza dei nostri fratelli e sorelle in luoghi come Bria.

GALLERY

01
02
03
04
05
06